disagi alla viabilità

La protesta di ristoratori e commercianti blocca la Variante: "Siamo disperati"

Mobilitazione dei titolari delle attività commerciali che chiedono riaperture in sicurezza e ristori: "Ci hanno fatto tante promesse ma nessuna è stata mantenuta".

Sarzana - Val di Magra - Ristori, aperture in sicurezza e stop a mutui e spese fisse. È quanto chiedono ristoratori e commercianti che da questa mattina protestano sulla Variante Aurelia contro le chiusure imposte dal Governo e l'incertezza sulla ripresa delle proprie attività. Una mobilitazione iniziata intorno alle 8 con il blocco del traffico e proseguita poi con il passaggio sulle strisce pedonali a passo lento e il conseguente rallentamento del traffico in uno dei punti nevralgici della viabilità in Val di Magra.

“Questo è il grido di una comunità di disperati che tengono insieme il tessuto economico di Sarzana – ha sottolineato a CdS Francesco Ricciardi a nome dei colleghi – non vogliamo essere abbandonati. Questo deve essere un primo punto di partenza perché siamo esasperati e non abbiamo certezze o garanzie dal Governo. Siamo partiti casaulmente ma abbiamo deciso di proseguire perché altre persone si sono unite e speriamo che lo facciano anche agenti di commercio, produttori, i lavoratori dello spettacolo, i titolari delle palestre e tutte quelle categorie che non stanno lavorando. Chiediamo punti precisi, dalle riaperture in sicurezza anche serali, ristori, e stop a mutui e spese fisse”.
“Stamani, nel primo giorno in cui saremmo dovuti tornare a “lavorare” - ha spiegato invece in apertura di protesta Eros Sabella – ci siamo ritrovati andando a fare la spesa ma non abbiamo più soldi e non riusciamo più ad andare avanti. Ci sono state fatte tante promesse ma nessun Governo le ha mantenute, da un anno chiediamo di essere ascoltati ma oggi non c'è più tempo, tanti colleghi hanno già dovuto chiudere e chi è rimasto si è stufato”.
Richieste che sabato mattina erano state fatte anche al sottosegretario Costa (stamani si sono visti anche l'assessore Italiani e altri consiglieri comunali) da una delegazione di ristoratori, baristi e commercianti che oggi sono hanno preso parte alla manifestazione. Molti altri si sono uniti nel corso della mattinata - circa una sessantina quelli che si stanno alternando - consentendo così di poter proseguire con l'intento di arrivare almeno fino a stasera in attesa di altre presidi.
Dopo il primo blocco del traffico sul posto sono arrivati i Carabinieri mentre successivamente la protesta è stata seguita da Digos e Polizia Locale ma tutto si è svolto in modo pacifico con gli automobilisti che hanno pazientemente atteso in coda e in molti casi hanno espresso solidarietà ai presenti.


06/04/2021 14:31:18


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie