quasi tutti con la mascherina

Chiudono i locali, i giovani si assembrano in strada

Polizia, Finanza, Carabinieri e Locale insieme per disperdere la folla che si crea dopo le 18. Multe, insulti alle forze dell'ordine e videosorveglianza. Un fine settimana di lavoro con 691 persone controllate.

La Spezia - Via Gioberti, Via Chiodo, Corso Cavour, via Del Prione e relative traverse, Piazza Sant'Agostino e Piazza Del Bastione. Sono queste le vie a rischio assembramento, soprattutto dopo le 18 quando i locali chiudono obbligatoriamente. E' allora che entrano in campo le forze dell'ordine per disperdere le persone, in particolar modo giovani e giovanissimi, che si riversano in strada. Come deciso durante un recente tavolo tecnico presieduto dal Questore Burdese, lo scorso fine settimana ha visto l'esordio nel capoluogo di un nuovo modulo operativo, basato su pattuglie costituite da quattro operatori in uniforme. Hanno lavorato gomito a gomito personale della questura, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia locale.
Venerdì pomeriggio il primo intervento ha interessato un bar di via Chiodo, davanti al quale era presente un assembramento di giovani. Tutti identificati. Uno di loro, trovato in possesso di stupefacenti dall’unità cinofila della Polizia, è stato segnalato in prefettura. Il titolare del locale è stato sanzionato per violazione della normativa sull’impatto acustico.

Nel pomeriggio di sabato è stata riscontrata una maggiore affluenza di giovani e ragazzi soprattutto nel tratto pedonale di Corso Cavour, in via Del Prione e in Piazza Del Bastione. In via Gioberti, attorno alle 18, un gruppo di ragazzi è stato allontanato mentre si attardava a finire le consumazioni fuori dai locali ormai in chiusura.
Poco dopo, in Vicolo delle Mura, con i locali fossero regolarmente chiusi, un folto gruppo era compresso nello stretto budello. Alcuni hanno anche inveito nei confronti della pattuglia di area dei carabinieri che li aveva appena invitati ad allontanarsi. Sopraggiunto anche il sostituto commissario con le altre pattuglie a disposizione, sgombrate Via Mazzolani e Corso Cavour. Tuttora in corso gli accertamenti del caso nei confronti dei soggetti più refrattari all’azione di prevenzione. Generalmente rispettato l'obbligo di mascherina, ma in alcuni casi persone troppo vicine l'una all'altra.

Un gruppetto di giovani si è reso protagonista di un'azione di disturbo presso la Chiesa di Santi Giovanni e Agostino, per cui sabato sera sono state inviate sul posto le pattuglie di stanza in Piazza del Bastione. Sui fatti indaga la Squadra Mobile per identificare i giovani. Ieri completata in questura l’analisi di una prima tranche di immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza cittadino, mentre oggi il vicequestore Ascione sta procedendo a sentire e far sentire i testimoni ai fatti, oltre che ad acquisire le immagini degli altri sistemi di videosorveglianza della zona, da scalinata Spora a tutte le intersezioni vicine.
In ultimo, importante anche l’intervento effettuato alle 18.30 di ieri sera, domenica, per un assembramento appena formatosi nel quartiere Umbertino, in via Firenze. I servizi diretti dal commissario capo Mulas hanno consentito di far allontanare le persone, tra cui numerose famiglie con bambini, che si sono dimostrate da subito collaborative. Il presidio del territorio assicurato fino a tarda sera ha evitato altre presenze in strada.

Nel complesso, venerdì, sabato e domenica, nell’ambito dei dispositivi di controllo ordinario e straordinario del territorio delle diverse forze di polizia e polizie locali orientati all’anticontagio, sono state controllate in provincia 691 persone, di cui 10 sanzionate per inosservanza alla normativa anticontagio, in prevalenza per mancato uso della mascherina, e uno per aver somministrato bevande alcooliche a minori per cui ha proceduto la Guardia di Finanza; controllati anche 30 pubblici esercizi e 150 veicoli.


15/03/2021 15:23:37


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie