L'isola di calore, che c'è

Aumenta il calore nelle città dove crescono le superfici edificate e si riducono quelle con la presenza di alberi. Lo ha stabilito uno studio del paesaggio urbano effettuato dall'Istituto per la BioEconomia del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Il microclima delle zone centrali delle città è determinato dal rapporto esistente tra le superfici vegetate e quelle impermeabili.

L'indagine del C.N.R. ha stabilito che l’intensità del fenomeno è minore nelle città di piccole dimensioni ubicate nei pressi delle zone costiere.

Nei nuclei urbani caratterizzati da un elevato consumo di suolo e bassa copertura arborea è stato riscontrato un aumento della temperatura media estiva fino a 4 gradi.

Quanto sia importante l'ecosistema urbano lo si intuisce dal fatto che in Italia le persone che vivono in città sono circa 42 milioni, ossia il 70% del totale degli abitanti.

In definitiva, per ridurre l'intensità delle isole di calore estive bisogna consumare meno suolo e piantumare più alberi. Pare semplice, eppure...

11/10/2020 19:30:00

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 SCRIVI UN COMMENTO



Per inviare un commento devi essere loggato.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie