Maurizio Cavalli

Ci incrociavamo spesso sotto il ponte della Scorza, discreti e pensierosi come due convogli di una linea suburbana, ciecamente fedele alle promesse di un passato migliore, un passato in odore di ciclostile e di celluloide: un passato analogico, lo stesso che occupa buona parte dell'archivio in cui lavorava silenzioso, come in un costante dialogo telepatico con le immagini di cui era custode.
Un custode generoso, sempre lieto di condividere il suo sapere, soprattutto con i giovani, perché la cultura è anzitutto memoria. Un solido punto di riferimento per chi cerca di apprezzare questa città, perché in fondo gli spezzini si rassicurano sempre un pò quando scoprono di avere anche una storia, una loro storia. Allora, il fatto di non sapere ancora dove andranno non è più un problema: basta sapere da dove vengono.

La sua era una memoria storica, costruita su una partecipata esperienza alle vicende cittadine degli ultimi quarant'anni e coltivata grazie ad uno studio capillare della storia e della cultura locale.
Da qui nasceva il suo amore per il folclore spezzino, amore tradotto in musica nei Tandarandan, l'unico canzoniere dialettale nostrano che sia mai esistito tra la Lunigiana e la val di Vara.
Quando andavo al Dialma Ruggiero a consultarlo per le mie ricerche, esaurite le sue competenze, invece di liquidarmi, mi sorrideva e mi chiedeva "stai suonando?".
A legare la nostra sottile complicità era infatti la musica, la musica vissuta come necessità espressiva prima ancora che come evasione dalla quotidianità. Quella sottile complicità, già a dieci metri di distanza, accendeva in noi un sorriso tutte le volte che - chi andando, chi tornando dal Dialma - ci incrociavamo sotto il ponte della Scorza.



15/02/2013 02:42:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 COMMENTI
Davide Marcesini
Venerdì 15 febbraio 2013 alle 21:08:19
Maurizio Cavalli era una di quelle persone che ti mancheranno anche se non lo frequentavi spesso. Ci eravamo sentiti circa un mese fa, accadeva di rado, per una cosa di fotografia e come dici tu Matteo, eravamo finiti a raccontarci quel che si stava facendo. Aveva una sincera compartecipazione anche per le attività che non lo coinvolgevano direttamente.
Sergio Baudoni
Venerdì 15 febbraio 2013 alle 20:55:34
Arriverci Maurizio. Un giorno ti rivedremo. E' solo questione di tempo. Riposa in pace.
 SCRIVI UN COMMENTO



Per inviare un commento devi essere loggato.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie