piscine, palestre, matrimoni: le novità

Stop alla quarantena per chi torna da Ue, Gran Bretagna e Israele

Fal 15 maggio viaggiare sarà un po' meno complicato mentre si fa largo l'ipotesi che il coprifuoco venga allungato di due ore dalla settimana ventura. Mercoledì riunione importante poi si ufficializzeranno le modifiche.

Fuori provincia - Come cambierà il decreto legge che ha sancito le riaperture, in vigore dal 26 aprile ma destinato a cambiare entrando nella stagione calda? Qualcosa di più si saprà mercoledì 12, giorno in cui si riunirà la cabina di regia che, dati alla mano, ragionerà su qualche potenziale cambiamento del dispositivo in essere. Modifiche che potrebbero già diventare realtà a partire dalla settimana ventura: se i numeri conforteranno sarà possibile rivedere il calendario delle riaperture. La prima novità riguarda gli spostamenti e arriverà a partire dal 15 maggio, quando non ci sarà più l’obbligo di quarantena per chi torna dai Paesi Ue, dalla Gran Bretagna e da Israele. Basterà un certificazione di vaccinazione o di guarigione dal Covid o un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti per entrare in Italia senza auto-isolamento obbligatorio. Dal 15 giugno questa regola dovrebbe valere per tutti I Paesi in cui viene raggiunto un buon livello di immunizzazione, con un parametro da stabilire durante la riunione del G7 Salute del 3 giugno: l’ipotesi è che questa soglia corrisponda al 65% dei vaccinati.

Poi, da lunedì prossimo, potrebbe cambiare il coprifuoco, che dovrebbe essere spostato a mezzanotte, due ore più tardi rispetto alle regole attuali. Guardando un po' oltre il governo si è posto l'obiettivo di cancellare il divieto di uscita notturna dal 21 giugno. Dal 15 maggio i gestori delle piscine all'aperto riapriranno le porte mentre nulla è stato ancora definito per le piscine indoor dove pesa la questione docce: si dovrebbe pianificarne un uso cadenzato con igienizzazione degli spazi ad ogni cambio turno. I colleghi delle palestre dovranno aspettare invece due settimane in più. Per quanto riguarda i locali dove al momento è possibile solo il servizio ai tavoli all’aperto, dal primo giugno si potrà tornare a frequentarli anche all'interno, ma non sarà ancora al momento di consumare al bancone: anche su quest'ultimo punto la discussione è aperta. Presto, si legge su Fanpage, potrebbero riaprire anche i centri commerciali nei weekend, forse dal 22 maggio, con una ripartenza che varrebbe per i giorni festivi e prefestivi. News in vista anche per i matrimoni, dopo l’approvazione delle linee guida per questi eventi: potrebbero ripartire dal 15 giugno o al più tardi dal primo luglio.


10/05/2021 09:33:14


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Notizie La Spezia













Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.
Contatta la redazione.

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie