Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 08 Maggio - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Grazzini: "Peracchini come il Coniglio mannaro. E non è più un punto di riferimento"

Pierluigi Peracchini

- “Lo Spezia, che insieme ai tifosi mi auguro resterà in serie A, è certo che neppure nella prossima stagione comincerà il campionato giocando al Picco. Ciò che sta succedendo in questi giorni attorno alla vicenda dello stadio Alberto Picco. E’ un fatto che sarà solo merito della famiglia Platek se il Picco risorgerà dalle ceneri, situazione in cui versa grazie a un progetto commissionato da Peracchini e pagato dagli spezzini. Il primo cittadino ha operato senza confrontarsi con la società e i suoi dirigenti e questo è il risultato. Ho ascoltato in streaming la commissione consiliare dell'altro giorno e sono rimasto basito dall’assenza del sindaco e da come l’opposizione abbia letteralmente schiacciato la maggioranza nell’imbarazzo dell’assessore Piaggi e dell’Ingegner Canetti, costretti ad arrampicarsi sugli specchi per difendere l’operato dell’amministrazione sotto il fuoco di domande dei commissari. La figura di Peracchini mi ricorda sempre più quella del Coniglio mannaro, appellativo con cui veniva chiamato un noto politico della prima repubblica. Come lui fa il duro quando è solo in televisione e nei comunicati mandati ai giornali, che afferma di non leggere, salvo rifiutare il confronto con i rappresentanti dei cittadini non partecipando alla commissione in cui si parla dello stadio. Io, che invece i giornali li leggo, apprendo che il sindaco è ritornato al suo vecchio amore sportivo e ha inforcato la bicicletta dove, se non ricordo male, il suo palmares giovanile non brillava particolarmente. Per come stanno le cose e per come appare ormai palese a tutta la città, vedo il primo cittadino in grande difficoltà. Visto che sta cercando di cavalcare i successi di uno Spezia che dimostra di essere un purosangue, tra un anno sarà costretto a darsi all’ippica, un’attività pericolosa, che lo porterà a essere disarcionato politicamente. Il dato ormai evidente è che Peracchini non è più un punto di riferimento: non lo è per gran parte dei partiti alleati, non lo è per gran parte dei cittadini che lo hanno votato, non lo è per lo Spezia Calcio, in quanto continua a perseverare una sua visibilità mediatica spingendo un progetto che non ha condiviso. Invito il sindaco a mettersi a disposizione della proprietà dello Spezia, che ha deciso di investire in modo cospicuo così da mettere qui solide radici per guardare con serenità al futuro, al di là dei singoli campionati, invece di cerca costantemente di utilizzare l’immagine delle Aquile per fini elettorali. Peracchini è ormai un uomo solo al comando ma la sua maglia è arancione e non bianco celeste come quella del Campionissimo, non è Fausto Coppi e neppure Franco Bitossi che ha portato quella tricolore da campione d’Italia, tutt’al più potrà ambire alla maglia nera che indossava l’ultimo in classifica al Giro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News