Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Giugno - ore 17.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Europa verde: "Basta cemento e inquinamento. Cosa direbbero oggi Byron e Shelley?"

Veduta di Lerici dalla Bellavista (2021)

- L'intervento di Giorgio Pagano sull'uliveto storico di Lerici e l'ennesimo rischio di una colata di cemento (leggi qui) ci portano a porci il consueto dilemma: ma la provincia della Spezia deve ancora pagare un pesante tributo al cemento e all'inquinamento rischioso per la salute?
Basta rammentare il biodigestore o meglio le sue dimensioni assolutamente spropositate rispetto alle esigenze dell'ambito spezzino, la vicenda della centrale Enel da chiudere e risanare e su cui la Regione finge di non vedere le proprie gravi indecisioni e responsabilità utilizzando attacchi inutili contro il Governo senza dire un chiaro e netto no, o parlare della bonifica di Pitelli, di cui ormai si è persa memoria o ancora della necessità di recuperare le aree dell'arsenale previa bonifica a cura della Marina e su cui da tempo vi sono gravissime denunce dei "Murati vivi".

A queste gravissime situazioni si associano poi i tentativi di cementificazione a cui si sta opponendo un fronte ecologista composito ma omogeneo nelle proprie idee:
- la Palmaria, che la Regione vuole far divenire un sorta di club esclusivo mentre si propone al contrario un accesso limitato e rispettoso dei luoghi e di una politica di valorizzazione sensata e sostenibile alla base del riconoscimento del luogo, quale patrimonio UNESCO;
- Borgo Baceo, unica zona rimasta a ricordo di un antico passato agricolo, che si vuole valorizzare a colate di cemento in spregio ai valori sociali, culturali e storici ivi espressi;
- Panigaglia dove si vuole aumentare la potenza di un rigassificatore da rifornire con un sistema estremamente discutibile e forse pericoloso;
- una piazza di Porto Venere, che doveva essere ceduta ad un privato senza alcuna ragione tanto che alla fine il Comune ha dovuto rinunciare alle proprie pretese.

A questo punto Europa Verde Liguria ritiene indispensabile partire da queste battaglie per costruire una concreta alternativa di governo, che sappia unire le forze civiche , ecologiste e più in generale del centrosinistra in una prospettiva unitaria e di alternativa ad una destra , che fa del cemento e della privatizzazione degli spazi pubblici la base su cui costruire la propria azione politica.
Su queste basi torniamo alla domanda iniziale ma questo è ancora il Golfo dei Poeti?
Ma cosa avrebbero detto Byron e Shelley di questa realtà?
Da che parte si sarebbero schierati se avessero dovuto scegliere?
Se lo chiedano Peracchini, Toti, Giampedrone e tutti i loro alleati perché una alternativa di governo si può costruire e diventare pure vincente.


Europa Verde Liguria

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News