Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile - ore 22.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Vaccini nei posti di lavoro, come funzionerà e chi lo potrà fare

Il ministro Orlando e il ministro Speranza hanno siglato un nuovo protocollo insieme a Inail e parti sociali per consentire la somministrazione delle dosi ai dipendenti di grandi realtà aziendali.

I gruppi "spezzini" interessati

La Spezia - "Una buona notizia per il Paese, il raggiungimento dell'accordo sulle vaccinazioni sui luoghi di lavoro. Grazie a istituzioni e organizzazioni che hanno dato in queste ore un contributo determinante per raggiungere un risultato che ci mette sulla strada giusta per ripartire". Lo ha dichiarato il ministro del Lavoro, lo spezzino Andrea Orlando, dopo aver trovato l'intesa con il collega Roberto Speranza, Inail e i sindacati per un'iniziativa che vede interessati moltissimi gruppi aziendali di grandi dimensioni, alcuni dei quali presenti anche nella provincia della Spezia.
"Il protocollo per le vaccinazioni e l’aggiornamento del protocollo per la sicurezza Covid-19 ci aiuteranno a tutelare la salute nei luoghi di lavoro. Questa battaglia si vince solo tutti assieme", ha aggiunto Speranza, alla firma dei documenti “Protocollo nazionale per la realizzazione dei piani aziendali finalizzati all’attivazione di punti straordinari di vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19 nei luoghi di lavoro” e “Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro” (clicca qui per scaricarli entrambi).

Tra i gruppi che hanno manifestato il proprio interessamento nei confronti della possibilità di essere parte attiva nella campagna di vaccinazione ci sono Poste, Inps, Leonardo, Fincantieri, Enel, Conad, Coop, Carpisa... tutti marchi presenti in riva al golfo.
Le aziende che aderiranno al protocollo stilato nelle scorse ore dovranno predisporre un piano aziendale da presentare all'Asl 5 specificando "il numero di vaccini richiesti per le lavoratrici e i lavoratori disponibili a ricevere la somministrazione, in modo da consentire all’Azienda sanitaria la necessaria programmazione dell’attività di distribuzione".
I costi per "la somministrazione, sono interamente a carico del datore di lavoro", mentre "la fornitura dei vaccini, dei dispositivi per la somministrazione (siringhe e aghi) e la messa a disposizione degli strumenti formativi previsti e degli strumenti per la registrazione delle vaccinazioni eseguite è a carico dei Servizi sanitari regionali territorialmente competenti".
Non ci sarà nessun obbligo di vaccinazione per i dipendenti: il medico competente dovrà fornire le informazioni e i lavoratori dovranno rilasciare il consenso informato" dopo "il previsto triage preventivo relativo allo stato di salute".
La somministrazione sarà "riservata ad operatori sanitari" e sarà eseguita "in locali idonei".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News