Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Giugno - ore 14.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Istituto Radiologico Beretta: da più di 70 anni a fianco degli spezzini

70 anni
Istituto Radiologico Beretta: da più di 70 anni a fianco degli spezzini

- L’Istituto Radiologico Beretta è il più antico studio medico nel cuore della Spezia e con una storia decennale e di successo alle spalle, rappresenta ancora oggi un’eccellenza in città e un punto di riferimento per generazioni di spezzini e non solo. Dagli anni ’50 del Novecento ad oggi l’Istituto Radiologico Beretta è infatti riuscito a coniugare tradizione e innovazione mantenendo sempre un alto livello di professionalità.

«Era il 1953 quando il Dott. Mario Beretta, radiologo originario della Val Tidone formato all’Università di Genova con il Prof. Vallebona, e il celebre Dott. Ottavio Giacché, generoso e stimatissimo medico internista spezzino, diedero vita all’Istituto Radiologico Beretta che tuttora mantiene la storica sede di via Persio alla Spezia – racconta Gabriele Lello, amministratore dell’Istituto Beretta – In seguito, fu poi il Dott. Beretta stesso a portare avanti lo studio affiancato dal Dott. Tramonti, radiologo di Carrara, fino agli anni ’90, quando, pur mantenendo il nome del suo fondatore, l’istituto spezzino passò nelle mani di mio padre, il Dott. Pier Paolo Lello, radiologo, primario toscano e docente presso prestigiose università di medicina e che tuttora riveste il ruolo di Direttore Sanitario e operatore in prima linea del centro medico.»

Affidabilità, disponibilità e conoscenza scientifica, oltre a un costante aggiornamento tecnologico, sono da sempre le credenziali fondamentali dell’Istituto Radiologico Beretta, da 70 anni a fianco degli spezzini. Tra le prestazioni – prenotabili comodamente sul nuovo sito www.istitutoradiologicoberetta.it o contattando la segreteria aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 19.00 al numero 0187 770763 o alla mail info@istitutoradioligicoberetta.it – si possono effettuare:

La Radiologia convenzionale è la prima tecnica per immagini utilizzata in ambito medico. Le attuali metodiche digitali permettono di ottimizzare la qualità delle immagini, la riduzione dell’esposizione del paziente a radiazioni ionizzanti e di poter usare supporti di archiviazione più sicuri ed ecocompatibili. Presso l’Istituto Radiologico Beretta si effettuano esami digitalizzati dei vari segmenti scheletrici del torace, esami mirati e funzionali, teleradiografia degli arti e della colonna vertebrale. Inoltre una particolare attenzione è riservata allo studio radiologico digitale in ambito odontoiatrico con ortopantomografia, studi funzionali delle articolazioni temporo-mandibolari e teleradiografia del cranio.

L’Ecografia è una metodica diagnostica non invasiva e indolore che, utilizzando ultrasuoni, consente lo studio accurato di ogni distretto corporeo. Mediante strumenti di ultima generazione, con sonde ad alta frequenza e multifunzionali, si eseguono ecografie: internistiche, muscolotendinee, articolari, mammarie, tiroidee, testicolari e peniene, polmonari per COVID19, pediatriche, linfonodali, dei tessuti superficiali, delle ghiandole salivari, delle anse intestinali e della parete addominale per ricerca ernie. Soprattutto l’ecografia in ambito senologico, completata da visita clinico-anamnestica, rappresenta un’eccellenza di settore. Si segnala come i risultati dell’ecografia sono del tutto operatore-dipendente. Il Dott. Pier Paolo Lello e i suoi collaboratori vantano centinaia di migliaia di esami eseguiti negli anni.

L’Ecocolordoppler è una metodica non invasiva che, mediante la visualizzazione dei principali vasi sanguigni di studiarne le pareti ed il flusso ematico. L’Ecocolordoppler fornisce immagini a colori (rosso e blu) dei flussi venosi e arteriosi evidenziando anche le più piccole lesioni delle pareti dei vasi, consentendo di valutarne con precisione l'entità. L’Ecocolordoppler effettuata all'Istituto Radiologico Beretta può essere molto utile per studiare e monitorare le principali patologie vascolari (stenosi arteriose e venose, aneurismi, trombosi, insufficienze venose, flebiti, ecc...) oppure per individuare lesioni aterosclerotiche, placche che ostruiscono il flusso sanguigno provocando possibili trombi venosi.

Particolare attenzione viene rivolta allo studio dei vasi che consentono il flusso del sangue al cervello (TSA) le cui alterazioni sono alla base di numerose gravi patologie (ictus, cefalee, malattie neurologiche, decadimento mentale, ecc.) e dei grossi vasi addominali (aneurismi dell’aorta, dissecazioni, ateromasia, stenosi, ecc...).

La Risonanza Magnetica, un esame diagnostico che consente di evidenziare lesioni che interessano parti molli, tendini, muscoli, strutture scheletriche, legamenti ed elementi fibro-cartilaginei ed è considerata la metodica più completa per la valutazione delle patologie che interessano le articolazioni. L'Istituto Radiologico Beretta offre ai pazienti una gamma completa di funzionalità di imaging di alta qualità per le piccole articolazioni (ginocchio, caviglia, piede, gomito, polso, mano). La risonanza in dotazione del centro può essere agevolmente impiegata anche in pazienti claustrofobici.

La Moc Dexa è una tecnica diagnostica utilizzata per valutare la mineralizzazione delle ossa. Misurando la densità della massa ossea, può rilevare un’eventuale degenerazione dell’osso ed è la metodica di riferimento per prevenire, diagnosticare e controllare l’evoluzione dell’osteoporosi e dell’osteopenia, patologie oggi curabili con terapie personalizzate. Può inoltre essere prescritta agli sportivi che hanno spesso a che fare con infortuni da stress senza causa chiara e, nel caso in cui si sospetti una rarefazione dell’osso (anche nelle donne giovani con amenorrea o anoressia nervosa). Mediante questo esame è possibile studiare anche la reazione ossea riparativa (“compattamento”) intorno a protesi articolari (es. protesi d’anca).

La Mammografia è un esame fondamentale per la prevenzione del tumore della mammella. Mediante l’impiego di radiazioni ionizzanti, consente lo studio morfologico della mammella ed è in grado di rilevare la presenza di lesioni mammarie, tra cui quelle di origine tumorale che si presentano sotto forma di opacità nodulari a margini irregolari, micro-calcificazioni polimorfe, oppure aree di distorsione strutturale. L'Istituto Radiologico Beretta suggerisce l’esecuzione della mammografia, a prescindere dalla presenza di sintomi o di casi in famiglia, dall’età di 40 anni, in seguito al progressivo aumento dell’incidenza del tumore mammario a cominciare da questa età o anche prima, nel caso di sospetta localizzazione neoplastica. La dose radiogena impiegata nell’eseguire una mammografia è estremamente bassa e contenuta, con un ottimo rapporto dose-beneficio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Contenuto sponsorizzato




Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News