Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Giugno - ore 16.31

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'opposizione di Vezzano: "Niente streaming né registratore, abbiamo scritto al prefetto"

I consiglieri leghisti Ruggia e Tangerini e la capogruppo di 'Alternativa per Vezzano' Cinzia Calanchi: "Consiglio ancora a porte chiuse, un fatto grave".

"Manca trasparenza"
Ruggia, Tangerini e Calanchi

Sarzana - Val di Magra - “Il Consiglio comunale di Vezzano ancora oggi si svolge a porte chiuse, senza pubblico e senza alcuna registrazione o trasmissione in diretta streaming, nonostante le nostre ripetute richieste di rendere trasparenti i lavori dell’assemblea. È un fatto grave, visto che la maggior parte dei Comuni del nostro Paese, anche quelli di modeste dimensioni, permettono ai cittadini di assistere al dibattito dell’aula. Per questo abbiamo scritto una lettera al Prefetto Maria Luisa Inversini chiedendo un suo intervento”. Lo affermano in una nota congiunta i consiglieri comunali di Vezzano Jacopo Ruggia e Carlo Tangerini, esponenti Lega, e Cinzia Calanchi di Alternativa per Vezzano.
“In occasione dell’ultimo Consiglio comunale - proseguono - abbiamo votato contro i verbali della seduta del 30 aprile scorso: abbiamo infatti rilevato alcune incongruenze tra quanto trascritto nel verbale, pubblicato sul sito del Comune di Vezzano, e quanto affermato dal Sindaco su un punto all’ordine del giorno. Il verbale resta infatti l’unico strumento con cui i cittadini possono venire a conoscenza di quanto deciso e discusso in aula, ma non c’è alcun modo per verificare che il riassunto trascritto nel documento corrisponda esattamente a quanto detto in assemblea. Prima dell’emergenza perlomeno i cittadini potevano assistere dal vivo al Consiglio comunale, da più di anno invece l’assemblea si svolge a porte chiuse a causa delle norme anti-Covid: i cittadini non hanno quindi alcun modo di partecipare, un fatto ancora più grave rispetto al passato per la mancanza di democrazia e trasparenza”.

“È una vicenda imbarazzante oltre che di una notevole gravità – concludono Ruggia, Tangerini e Calanchi – Avevamo chiesto la ripresa streaming del Consiglio già a dicembre 2019, presentando una mozione che fu bocciata dalla maggioranza. A novembre 2019 inoltre avevamo richiesto la sbobinatura di una seduta dell’assemblea e il segretario comunale ci aveva risposto che il registratore audio era rotto. Ora, a distanza di un anno e mezzo, il segretario ci ha detto che il registratore è ancora non funzionante: com’è possibile che dopo un anno e mezzo l’amministrazione non sia ancora riuscita a dotarsi di un basilare sistema di registrazione che permetta ai cittadini di seguire i lavori dell’aula in assoluta trasparenza?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News