Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Maggio - ore 18.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Giunta e maggioranza di Sarzana: "Presa di posizione dell'Autorità Garante paradossale"

Assessori e consiglieri: "Rimaniamo fermi sulle posizioni assunte in consiglio"

proroga delle concessioni
Spiaggia libera di Marinella

Sarzana - Val di Magra - "I consiglieri di maggioranza e la Giunta, con una punta di malcelato stupore, hanno ricevuto la nota dell’autorità Garante della Concorrenza e del Mercato relativa alla delibera del C.C. del 29 dicembre 2020 n° 93 avente ad oggetto un atto di indirizzo alla Giunta in tema di concessioni demaniali presentato dai capigruppo di maggioranza ed approvato dal consiglio stesso.
Con tale atto, il Comune di Sarzana – come del resto numerosi altri in Italia – stante la vigenza della legge 145/2018 (cd. Legge Centinaio) e successive modificazioni e integrazioni, si è semplicemente limitato a prendere atto che una legge dello Stato ha estenso la durata delle concessioni demaniali fino al 2033 auspicando, contestualmente, un riordino della normativa generale in materia di demanio marittimo a tutela degli operatori del settore". In una nota congiunta assessori e consiglieri di maggioranza di Sarzana intervengono così in meritò al parere dell'Antitrust (QUI).
"L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha ritenuto - si legge - che il Comune di Sarzana abbia “disposto l’attivazione del procedimento di estensione della durata delle concessioni di beni del demanio marittimo” e, reputando la delibera sopra richiamata in contrasto con gli artt. 49 e 56 del Trattato sul Funzionamento della Unione Europea, ha invitato il Comune stesso a "disapplicare la normativa posta a fondamento della delibera di Consiglio Comunale numero 93 del 2020".
Una simile presa di posizione appare francamente paradossale: un’autorità statale, qual è l’Autorità Garante che, nella piena e legittima vigenza di una legge dello stato che regolamenta la materia delle concessioni demaniali marittime, diffida il nostro Comune (e molti altri) ad adottare iniziative per “rimuovere le violazioni della concorrenza” contestate. É evidente che il settore del Demanio marittimo necessiti da anni di un riordino normativo e che gli operatori del settore balneare, le associazioni di categoria e i sindacati vogliano la massima chiarezza sulle norme vigenti ed applicabili anche per poter programmare investimenti e nuove iniziative.
In questo specifico settore i comuni italiani sono stati abbandonati in uno stato di incertezza assoluta che danneggia soprattutto i balneari e tutto il comparto economico che si muove intorno alle concessioni demaniali marittime. La Giunta e i Consiglieri di maggioranza, in attesa dell’esito delle decisioni dei Tribunali Amministrativi che sono stati investiti della medesima questione, rimangono fermi nelle posizioni assunte in Consiglio. Auspicano - si chiude la nota - l’appoggio di tutte le associazioni di categoria ma, soprattutto, che il governo e il parlamento si adoperino quanto prima per risolvere in modo autorevole e definitivo la questione, sollevando le amministrazioni locali ed i loro funzionari da scelte e decisioni interpretative che loro non competono avendo sacrosanto diritto a muoversi nell’ambito di un quadro normativo certo e univoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News