Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 05 Agosto - ore 21.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Galazzo pronto a candidarsi: "Ameglia ferma da sette anni"

L'ex sindaco raccoglie l'invito di opposizione e sostenitori e si mettere a disposizione: "Possiamo risvegliare il Comune dal torpore. Ciri? Lo stimo molto ma la sua candidatura da parte di Cambiamo prova il fallimento dell'attuale amministrazione".

Umberto Galazzo

Sarzana - Val di Magra - “Dopo l'invito a candidarmi rivoltomi da tante persone sia in pubblico che in privato (QUI) ho riflettuto a lungo prima di decidere. Cercherò di capire se ci sono spazi di agibilità politica, non voglio dare fretta a nessuno né fare un atto di arroganza. Metto a disposizione la mia esperienza, anche perché la mia storia politica è chiara anche se da anni sono fuori da ogni partito”. Così Umberto Galazzo, primo cittadino di Ameglia dal 2004 al 2014, pronto a tornare in campo nelle amministrazioni autunnali del comune nel quale è stato ultimo sindaco di centrosinistra prima dei sette anni targati Giampedrone-De Ranieri.

“Da domani – spiega - incomincia per me un percorso di verifica sul campo per comprendere se davvero posso essere utile per mettere insieme una lista che sia competitiva, e che possa avere i numeri per provare a sfidare i nostri avversari. La partita è ardua e non siamo sicuramente noi i favoriti, ma di certo per la prima volta da 7 anni a questa parte, Ameglia è contendibile e tante certezze si sono nel tempo sgretolate. Spero di unire persone che abbiano la voglia, il tempo e la capacità di dare un contributo per far sì che Ameglia possa essere risvegliata dal torpore e dalla paralisi in cui si trova da tempo”.
Galazzo, che assicura “discontinuità dalle giunte Giampedrone e De Ranieri” prosegue: “Ameglia non mi pare sostanzialmente migliorata in niente, anzi, si registra un generale peggioramento della qualità dei servizi. Il borgo è stato deliberatamente abbandonato, con l’ostello e il castello mandati in malora; Montemarcello, idem. La vicenda della Batteria Chiodo poi è emblematica dell’incapacità dell’Amministrazione. Per il Cafaggio non è stato fatto nulla. Mentre gli interventi a Fiumaretta, che sostanzialmente è diventato un enorme parcheggio, e a Bocca di Magra, su cui – purtroppo – sono intervenuti in maniera invasiva, peggiorandola e snaturandola, senza neppure consultare la popolazione. Noi avevamo lasciato un Comune in cui le principali opere di cui c’era bisogno erano state realizzate o, quantomeno, finanziate (isola ecologica e palestra). In futuro occorrerà recuperare il patrimonio abbandonato e riorganizzare la manutenzione del territorio, curandone il decoro. Ritengo poi che occorrano forme di coinvolgimento reali della popolazione, per lo meno in occasione delle scelte più importanti e per questo ritengo che possa essere utile ricostituire i comitati di frazione. Chi vincerà dovrà sicuramente partire riorganizzando il personale, dato che è stata di fatto distrutta la precedente organizzazione generando il caos più totale, frutto di scelte sbagliate”.

“Di certo – sottolinea ancora Galazzo – scaricare tutte le colpe su De Ranieri come si sta cercando di fare, e non mi riferisco certo a Ciri, mi pare eticamente scorretto oltre che umanamente disdicevole. Il Sindaco è capo di una Giunta e di una maggioranza ed io non ricordo levate di scudi e né tantomeno voti contrari da parte di assessori e consiglieri comunali che evidentemente in questi anni hanno condiviso con De Ranieri tutte le decisioni assunte. Smarcarsi ora è troppo comodo. Quindi la discontinuità dall’attuale amministrazione non la si fa cambiando solo il Sindaco, ma tutti coloro i quali hanno avuto ruoli amministrativi tra le file della maggioranza negli ultimi sette anni”.
Quanto all'attestato di stima rivoltogli dal candidato Mauro Ciri, Galazzo chiude: “Ricambio le belle parole perché è una persona che stimo molto e che conosco da tanti anni. Si tratta di un avversario molto stimolante. Certo la sua candidatura da parte di Cambiamo ed in primis di Giampedrone è la prova provata del fallimento dell’attuale amministrazione, formata da una classe dirigente molto giovane che però, pur dopo sette anni di esperienza sul campo, non è stata in grado di esprimere un candidato Sindaco credibile. E comunque, il fatto che il candidato sia lui – conclude - e non uno degli attuali amministratori lo considero già un successo per gli amegliesi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News