Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Luglio - ore 16.25

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore, Pd Sarzana: "Centrodestra come Torre di Babele"

Intervento del Partito Democratico di Sarzana.

"Gioco delle tre carte"

Sarzana - Val di Magra - Sul biodigestore di Saliceti il centrodestra sembra la Torre di Babele. Liguria Popolare ha definito il progetto "una pugnalata" per il nostro territorio e ha rimproverato al resto del Centrodestra "una passività scellerata". Il nuovo gruppo dirigente di Forza Italia si è a sua volta espresso con decisione contro il biodigestore a Saliceti, e i suoi consiglieri comunali filo-Peracchini si sono pilatescamente astenuti sulla relativa mozione.
Fratelli d'Italia è totalmente ammutolito, sembra che li abbiano imbavagliati.
I Leghisti tentano improbabili equilibrismi: incontrano i Comitati e li rassicurano ma poi votano in ogni occasione a favore del progetto.
Ma il culmine del bailamme si raggiunge esaminando le posizioni dei Totiani.
Per realizzare il (bio)digestore di Saliceti Iren e Recos fanno appello ad una gara vinta, con una aggiudicazione che risale ad anni fa, per cui non ci sarebbe alcun margine per un ripensamento. Peccato che quella gara riguardava la realizzazione in un altro sito (Boscalino) di un digestore per le esigenze della nostra provincia e - al più - del Tigullio, conforme al piano dei rifiuti. Una cosa totalmente diversa da quanto previsto a Saliceti, un investimento sette volte superiore per una quantità di rifiuto cinque volte superiore, che include stavolta quello proveniente dal Golfo Paradiso e da altri dieci comuni del Genovese. E ovviamente difforme dal piano dei rifiuti. Il gioco delle tre carte è evidente: Castagnetti, presidente Recos, dice che il risultato della gara del 2016 non può essere messo in discussione, ma tace che quella gara riguardava un progetto diverso, dislocato altrove e per un quinto dei volumi ipotizzati a Saliceti. Peracchini - invece di difendere il piano dei rifiuti e con esso la salute dei cittadini della nostra Provincia, che presiede -  fa finta che non ci sia soluzione di continuità fra i due progetti e che sia solo questione di concordare qualche 'aggiustamento'. Giampedrone però - mosso da un irrefrenabile impulso ad arrivare in fondo ad ogni costo e il prima possibile -  lo smentisce clamorosamente affermando che fra le due vicende non c'è alcuna correlazione, che Peracchini sta inutilmente cincischiando e che Saliceti - per Toti & C. -  ha ormai "un irrinunciabile ruolo strategico nell'assetto regionale", ossia quello di pattumiera di mezza Liguria...
                               
Partito Democratico Sarzana

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News