Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Giugno - ore 16.31

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Detriti spiaggiati, Canese (Pd): "Scelta Ato non condivisibile"

Il segretario del Pd arcolano: "La Provincia alzi lo sguardo senza cedere ancora una volta agli egoistici richiami dei sindaci della sua maggioranza".

Marinella e Fiumaretta
Carlo Canese

Sarzana - Val di Magra - "La decisione dell’Ato provinciale rifiuti (si vedaQUI, ndr) di far pagare una quota degli oneri di smaltimento dei rifiuti spiaggiati a Marinella ai comuni fluviali per alleggerire le spese sostenute da Ameglia e Sarzana non è per nulla condivisibile. Anzitutto perché è una misura che colpisce esclusivamente i comuni liguri escludendo quelli toscani dove il corso del Magra è molto più esteso di quello ligure anche considerando l’affluente del Vara". Si apre così la nota diffusa da Carlo Canese, segretario del Pd di Arcola. "Inoltre - prosegue -, i comuni interni, a differenza dei comuni rivieraschi, non possono beneficiare dei vantaggi economici derivanti dall’affaccio sul mare, si pensi agli introiti della tassa di soggiorno ed all’indotto turistico più complessivo".

"Per altri versi - continua Canese - i comuni fluviali per tutta una serie di lacci e lacciuoli normativi ed amministrativi da parte di autorità con poteri sovraordinati, sono limitati e generalmente impossibilitati ad intervenire direttamente sul fiume per ripulire l’alveo ed eliminare ostacoli legnosi, vegetazionali e lapidei che generano in moltissime realtà un potenziale rischio idraulico, inesistente nel tratto focivo dove si draga costantemente per mantenere in sicurezza la navigabilità del percorso finale. Riteniamo che il provvedimento debba quindi essere annullato con il rinvio ad una seria pianificazione del problema per individuare soluzioni di gestione tali da evitare palesi ingiustizie di trattamento tra territori e contribuenti, per generare ricchezza anziché povertà diffusa. Ad esempio nella realizzazione di un sistema di produzione energetica da fonti rinnovabili generata dalla combustione delle biomasse legnose spiaggiate, nel cui processo una componente dei costi di produzione sia assegnata agli oneri di raccolta dei rifiuti e pulizia del litorale interessato, così come l’innovativo metodo, in linea con gli obiettivi della transizione energetica, può chiedere di accedere ai fondi di finanziamento del Recovery Plan".

"La Provincia deve alzare il proprio sguardo senza cedere ancora una volta agli egoistici richiami politici di importanti sindaci della propria maggioranza, creando peraltro non pochi disagi su tutto lo schieramento dei sindaci fluviali che non la pensano esattamente come quelli di Ameglia e Sarzana mentre rappresentano una popolazione ben superiore", conclude il segretario Dem arcolano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News