Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Aprile - ore 20.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Baudone: "Positivo rientro di Casini nel Pd, a livello provinciale serve congresso"

"sono stato offeso ma non me ne vado"
Massimo Baudone

Sarzana - Val di Magra - “Il ritorno di Beatrice Casini nel Pd è sicuramente positivo perché saprà dare un contributo importante alla battaglia di opposizione che sta già conducendo il gruppo consiliare con Lorenzini e Castagna”. Così l’ex assessore sarzanese ed esponente dei democratici Massimo Baudone il quale aggiunge: “Il suo rientro pone tuttavia il Pd in una situazione particolare essendo Casini una ex renziana e come me, seppur per minor tempo, ha fatto parte della giunta Cavarra, dalla quale il partito cerca in ogni modo di prenderne le distanze e marcarne discontinuità, potrebbe avere e creare qualche problema di gestione. Sarebbe stato opportuno discutere di questa cosa, per riflettere sul perimetro politico sia del gruppo consiliare e sia di alcune posizioni espresse del partito ma ciò ad oggi non è avvenuto”.

Baudone in una nota auspica inoltre un “congresso vero del Pd spezzino, aperto alla società civile e che sappia accogliere le istanze del nuovo segretario nazionale Letta. Vorrei primarie aperte, perché non si può continuare con il commissariamento perché abbiamo importanti sfide amministrative in molti comuni già quest’anno, nel 2022 le elezioni per il Sindaco di Spezia e l’anno dopo quelle di Sarzana. Non credo che si possano affrontare queste sfide con il partito attuale”.
Quanto alla situazione cittadina osserva: “Io rimango nel Pd, di cui sono un fondatore e che è ancora la mai casa, nonostante dopo le elezioni del 2018 non sia stato trattato bene. Resto anche a dispetto dei recenti tentativi di mandarmi via fatti sulla chat Whatsapp della direzione. Non solo - aggiunge - a gennaio nella sala della Repubblica sono stato offeso da un iscritto senza motivo appena ho iniziato a parlare, nessuno, ad eccezione di Roberto Madrignani, ha preso le distanze e ha speso una parola di condanna per quelle parole. Penso che questo sia sintomo di un forte malessere all’interno del partito che non ha una guida politica in grado di costruire un’alternativa al centro destra e porsi come baricentro per una coalizione unita. Non penso che i disastri degli ultimi tre anni siano tutti imputabili ai renziani ma a un gruppo dirigente non all'altezza.
Chiudere a un dialogo con Italia Viva sarebbe un errore, bisogna cercare di creare uno schieramento il più ampio possibile, cercando di creare le condizioni politiche. Guardando alla sconfitta del 2018 ritengo che non sia mai stata fatta una discussione franca sulla città, sulla sua trasformazione e su determinate scelte che hanno contribuito negli anni ad indebolirci e a sgretolare pian piano quel rapporto che c’è sempre stato tra città e Amministrazione comunale. Si è addossata tutta la colpa alla giunta e ad Alessio Cavarra, non esenti da responsabilità ma non del tutto responsabili. Bisogna guardare anche più indietro alla “svendita” dell’Ospedale e al piano di riqualificazione di via Muccini, meglio conosciuto come Progetto Botta che la città non voleva”.
Baudone quindi conclude: “I fatti avvenuti dopo le amministrative mi hanno un po' avvilito e riempito di amarezza ma oggi mi sta tornando la voglia di fare politica. Attendo gli sviluppi per capire se davvero esistono ancora le condizioni per cambiare questo partito, poi farò le mie valutazioni. Sono fortunato perché ho potuto fare politica e l’amministratore pubblico, seppur in anni non facili, rimanendo libero da eccessivi condizionamenti partitici, anteponendo sempre l’interesse generale a quello personale, perché io la politica la intendo così e così intendo continuare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News