Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Aprile - ore 21.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Balneatori, Castagna (Pd): "Amministrazione come Don Abbondio. E ora c'è l'Antitrust"

La vice segretaria Dem sarzanese: "Concessioni, operatori blanditi da una delibera propagandistica".

Bolkestein
Litorale Marinella

Sarzana - Val di Magra - "La facile propaganda, la propensione a dire sempre e soltanto ciò che suona carezzevole all'orecchio degli elettori, o più spesso ciò che risulta ammiccante verso singole categorie o corporazioni, con buona pace dell'interesse generale e talora anche palesando insofferenza verso le regole, sono ormai caratteristiche tipiche della comunicazione di stampo totiano, anche nella 'colonia' di Sarzana. Valga per tutti l'esempio delle concessioni ai balneatori di Marinella". Si apre così la nota diffusa da Francesca Castagna, vice segretario del Pd di Sarzana. "Come è noto - prosegue - la Direttiva comunitaria Bolkestein prevede che dette concessioni vengano messe a gara (in ossequio al principio di libera concorrenza caro soprattutto alle Destre) mentre una legge italiana del 2018 (maggioranza gialloverde) e poi il decreto rilancio del governo Conte 2 le hanno prorogate fino al 2033. Si tratta evidentemente di un problema (e di un contrasto) che va sollecitamente risolto fra Italia ed Europa bilanciando l'interesse di chi ha investito per anni sul nostro litorale, di chi ha la legittima aspirazione a farlo ma soprattutto della generalità dei cittadini, fruitori - a ben vedere - di un bene pubblico, cioè anche loro".

"La maggioranza di destra sarzanese - continua Castagna - non aveva resistito alla tentazione di cogliere la palla al balzo per cercare di blandire gli operatori del settore, ma lo aveva fatto con il coraggio di Don Abbondio: mentre infatti qualche Comune italiano affacciato sul litorale, con coerente temerarietà, ha comunque rinnovato le concessioni, con una presa di posizione quasi sempre inevitabilmente sanzionata dai tribunali amministrativi, la maggioranza di destra sarzanese si è limitata a fare approvare in Consiglio Comunale una delibera di vaghissimo e timido auspicio che la Giunta procedesse a rinnovare le concessioni ai balneatori. Quanto bastava - nella loro visione secondo la quale la pubblicità, anche se omissiva e reticente, è l'anima del commercio - a figurare come strenui paladini degli attuali concessionari delle spiagge... E infatti nessun conseguente, concreto provvedimento è stato emesso dalla Giunta Ponzanelli e dalla dirigenza al suo servizio in favore dei balneatori di Marinella, a dispetto di una presa di posizione - quella assunta con la delibera consiliare 'di orientamento' - risultata un atto del tutto propagandistico".

"L'autentico capolavoro però - conclude la vice segretaria - sta nel fatto che oggi l'Antitrust - attribuendo giustamente a quella  delibera consiliare un significato che viola la normativa comunitaria a tutela della concorrenza (anche se noi sappiamo che pavidamente non le fu dato seguito) - ne segnala comunque  l'irregolarità prospettando sanzioni, mentre quegli stessi amministratori di maggioranza che allora si gloriarono di averla concepita oggi - trasalendo - ne rinnegano e sminuiscono la rilevanza. È davvero difficile immaginare qualcosa di più strumentale e maldestro...".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News