Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 31 Luglio - ore 13.54

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ameglia, Ciri parte da solo ma conta di convincere tutto il centrodestra

Già sindaco a fine anni Ottanta oggi ufficializza la candidatura alle prossime elezioni: "Non sono iscritto a nessun partito ma spero nell'appoggio di Cambiamo come di Lega e FdI. Macchina comunale da riorganizzare".

"pronto al dialogo con manzi"
Mauro Ciri

Sarzana - Val di Magra - Parte in solitaria sperando di arrivare alle elezioni avendo unito tutto (o quasi) il centrodestra Mauro Ciri, ex sindaco di Ameglia dall'85 al '90 che oggi ufficializza la sua candidatura alle amministrative del Comune dove risiede da una cinquantina d'anni. Ex Dc, classe 1947 sposato e con una figlia e due nipoti, una laurea in scienze politiche e fra i fondatori di Equitalia, è lui il primo candidato a presentarsi ufficialmente per la successione di Andrea De Ranieri per il quale ammette di non aver votato.

“Non faccio parte di Cambiamo - chiarisce in merito alla vicinanza con la formazione di Toti e Giampedrone – e non appartengo, né ho voglia di iscrivermi, a nessun partito politico. Ho voglia di mettere insieme tutte le forze ponendomi come fonte di mediazione, per individuare una lista che abbia competenze, capacità e voglia di raccogliere le istanze dei cittadini per costruire un gruppo trasversale. Inizio a muovermi da oggi, senza una squadra, ma conto di avere una risposta positiva dalle forze politiche ma anche dalla società civile e dalle tante associazioni. Non rifiuterò colloqui con nessuno ma bisognerà ritrovarsi su valori e idee programmatiche che devono essere condivise per avere territorio e sviluppo al centro centro del progetto. Rispetterò le decisioni di ogni gruppo senza entrare in argomenti che non riguardano Ameglia – sottolinea – con la speranza che anche Lega e Fratelli d'Italia ragionino per trovare una soluzione comune. Sono pronto anche a mettermi al tavolo con Mauro Manzi (civico sostenuto da Popolari e Forza Italia), persona che stimo molto. Cambiamo è il partito che rappresenta in maniera più importante questo luogo e il fatto che possa appoggiarmi mi fa piacere, anzi, spero che voglia darmi il suo appoggio esterno così come Lega e FdI. Mi reputo un candidato civico e indipendente che non ha debiti con nessuno, se le mie proposte non piaceranno ci scontreremo in campagna elettorale perché nessuno avrà un posto assicurato in lista”.

Sui motivi che l'hanno spinto a intraprendere questa nuova avventura Ciri spiega: “Questo paese mi ha dato moltissimo e sono arrivato ad un punto della mia vita in cui posso dedicare il mio tempo a questa mia passione e alla comunità. La mia tesi di laurea era stata sulla pianificazione urbanistica di Ameglia e mi piacerebbe prendere in carico il Comune e dare il mio contributo per trovare qualche soluzione appropriata visto che il confronto quotidiano con le persone permette di fare considerazioni e guardare al futuro”.
Palazzo civico che secondo il candidato “ha bisogno di una riorganizzazione per funzionare al meglio. La prima cosa da capire è capire come sta e iniziare l'attività di ascolto con i cittadini e puntare su un miglior utilizzo delle risorse a disposizione, ci sono molte cose da fare ma bisogna sicuramente continuare a salvaguardare uno dei luoghi più belli della nostra provincia. L'amministrazione uscente? È evicente che c'è un certo disagio ma sarà importante tenere conto di quanto di buono è stato fatto in precedenza per guardare avanti”.

Così invece su due temi sempre attuali come il Parco di Montemarcello Magra Vara e rifiuti spiaggiati sul litorale: “Per quanto riguarda il primo vorrei un rapporto di assoluta collaborazione anche perché la mia amministrazione ha creato l'orto botanico anche se poi non ha avuto lo sviluppo immaginato. Credo che i comuni abbiano il diritto e dovere di partecipare e contribuire al suo futuro. Quanto ai detriti, già nel 1987 avevo scritto a tutti gli enti coinvolti perché ho sempre ritenuto lo sviluppo del fiume un tema principale. Penso che non dovrebbero esserci discussioni ma ragionamenti comuni per trovare soluzioni, accordi e risposte doverose”.

Sui possibili avversari Ciri conclude: “So che il Pd non mi chimerà e scherzi a parte spero che il centrosinistra trovi un buon candidato. Galazzo? Se l'avversario fosse lui sarei contento visto che ha la mia massima stima ed è cresciuto politicamente quando ero sindaco”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News