Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 11.02

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Tari più salata nonostante gli sforzi dei santostefanesi"

L'intervento di Paola Lazzoni e Silvio Ratti, consiglieri comunali del gruppo 'Insieme per voltare pagina'.

"Conguaglio da 166mila euro"
Santo Stefano

Sarzana - Val di Magra - "Nonostante gli sforzi che i cittadini di Santo Stefano si sono abituati a fare dimostrando il forte senso civico che ha permesso di portare il nostro Comune a raggiungere un tasso dell’80% nella raccolta differenziata, si troveranno a pagare nel corrente anno una bolletta Tari più salata del solito, in funzione dei conguagli approvati con il Piano Economico Finanziario per l’anno 2020". Lo affermano i consiglieri comunali santostefanesi Paola Lazzoni e Silvio Ratti, del gruppo 'Insieme per voltare pagina', in una nota diffusa a margine del consiglio comunale di Santo Stefano Magra, tenutosi ieri.

"Ancora una volta - proseguono i due esponenti della Lega - l’Amministrazione Comunale ha presentato un documento fondamentale per il Bilancio dell’ente senza alcun confronto con gli altri gruppi consiliari e, nonostante le osservazioni e le proposte debitamente formulate nel corso della discussione nell’ottica della riduzione dell’aggravio in bolletta Tari, la maggioranza dei Consiglieri, con la contrarietà dei gruppi di minoranza, ha scelto la strada che spalma un conguaglio di Euro 166.000 nelle prossime bollette Tari".

"Il Sindaco, non contento di aver aumentato al massimo l’aliquota Irpef già per il secondo anno (aumento che la stessa ha paragonato ad un pacchetto di sigarette, peccato che non tutti fumano), ha aggravato ulteriormente le tasche dei cittadini di Santo Stefano che verranno chiamati a pagare la Tari nei prossimi mesi, perseguendo la scelta di allargarne il perimetro a voci che avrebbe potuto stornare e compensare con voci di bilancio differenti, magari proprio quelle derivanti dalle maggiori entrate derivanti dall’aumento dell’Irpef", concludono Lazzoni e Ratti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News