Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 10 Maggio - ore 20.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Vini Dop e Igp, la scuola chiede un confronto ai produttori

L'istituto agrario Arzelà: "Un summit con il mondo vitivinicolo e un comitato tecnico-scientifico".

Dopo la nascita del consorzio
Studenti dell'istituto agrario Arzelà

Sarzana - Val di Magra - Il mondo della scuola applaude alla nascita del Consorzio per la tutela dei vini Dop e Igp Colli di Luni, Cinque Terre, Colline di Levanto e Liguria di Levante ‘consacrato’ di recente con atto ufficiale del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Il “Parentucelli-Arzelà”, istituto superiore di Sarzana che si articola con un indirizzo professionale agrario insieme a quelli liceali e commerciali, giudica questo riconoscimento di ottimo augurio per gli oltre settanta viticoltori, a partire dal presidente Andrea Marcesini e dal direttore Giorgio Baccigalupi. Un augurio a sostegno dello sviluppo economico e delle aziende vitivinicole, a tutela del marchio e della salvaguardia delle denominazioni; un augurio alla sinergia con la scuola agraria, un polo forte di duecento studenti e tanti docenti specializzati.

“L’attività del Consorzio – osserva il dirigente scolastico del ‘Parentucelli-Arzelà’, Generoso Cardinale – rappresenta una certezza a sostegno della qualità delle varie tipologie vinicole. Le premesse per ripercussioni favorevoli non solo per le aziende vinicole, ma per l’agriturismo ed in generale per l’economia della Val di Magra e di tutta la provincia Spezia ci sono tutte”. Aggiunge Cardinale: “Sono fermamente convinto nella crescita qualitativa del movimento del vino nel nostro territorio e che questa non possa prescindere da un fattivo rapporto di collaborazione tra le aziende agricole e la scuola, ed in modo particolare, ma non esclusivo, il corso professionale agrario”.

Il dirigente del ‘Parentucelli-Arzelà’ lancia un invito al Consorzio, alle organizzazioni dei produttori ed i singoli viticoltori: quello di un prossimo confronto che abbia come teatro l’istituto professionale e l’obiettivo della condivisione di obiettivi e programmi. “Mi riferisco – spiega Cardinale - sicuramente ai percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, già noti come ‘Alternanza Scuola Lavoro’, che riprenderanno non appena l’emergenza Covid-19 lo permetterà, ma soprattutto alle strategie in termini di innovazione, di sperimentazione, di ricerca che un apposito Comitato Tecnico Scientifico potrebbe individuare”.

“Le esperienze di potatura dei vigneti a Guyot o a cordone speronato – conclude il preside -, l’applicazione in cantina delle tecniche di vinificazione in rosso ed in bianco, la pianificazione di diverse formule di marketing sono oggi pane quotidiano per i nostri studenti. I ragazzi hanno bisogno di capire, insieme ai protagonisti della viticoltura locale, quali ulteriori apprendimenti sono considerati fondamentali perché il Vermentino e i suoi fratelli abbiano un futuro sempre più roseo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Generoso Cardinale


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News