Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio - ore 15.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Natale senza cinema, Moderno e Italia: "Anno orribile ma resistiamo"

Festività senza film anche a Sarzana. Modaffari: "Perderemo incassi dell'anno", Frontera: "Servono tempi certi per la riapertura".

"mai successo, c'è grande tristezza"
Cinema Moderno, Sarzana

Sarzana - Val di Magra - Quello che si sta avvicinando sarà un Natale diverso, e non certo felice, anche per il mondo del cinema che proprio nel periodo delle festività ha sempre concentrato gran parte del suo fatturato, richiamando in sala un pubblico molto più ampio rispetto a quello abituale. Da sempre, fra Natale e la Befana, film per bambini, commedie e storie a lieto fine, sono un appuntamento fisso anche per i non appassionati ma la seconda ondata della pandemia costringerà anche i cinema sarzanesi a rimanere con porte chiuse e luci spente.

“Probabilmente non è mai successo prima di non poter andare al cinema nel periodo di Natale – ammette Mimo Modaffari del Multisala Moderno – non abbiamo mai trascorso le festività a casa con le nostre famiglie anche perché fra dicembre e gennaio facciamo solitamente l'incasso di tutto l'anno”. Uno stop forzato che va dunque a pesare ulteriormente su un anno già segnato da mesi di chiusura. “Praticamente da marzo ad oggi abbiamo aperto solo fra settembre e ottobre rimettendoci circa 15mila euro perché tutte le uscite sono state rimandate. Le cose sono sempre più difficili – aggiunge – perché i film continuano ad andare sulle piattaforme dove con un singolo account possono vederli più persone. La gente si sta abituando a questa situazione e di questo passo sarà impossibile riprendere”.
“Al momento – sottolinea ancora Modaffari – non ci sono date certe per la riapertura, da decreto saremo chiusi fino a metà gennaio ma le incertezze sono ancora molte. I ristori? Ci sono arrivati grazie al Decreto Franceschini, ci hanno permesso di galleggiare un po' ma anche chiusa la struttura ha dei costi che vanno comunque sostenuti. La speranza – conclude – è che presto la situazione possa migliorare e la gente possa anche tornare al cinema perché l'emozione e il fascino della sala restano insostituibili. Noi non molliamo e aspettiamo gli spettatori”.

Stesse sensazioni anche per il Cinema Italia che, con la sola eccezione della rassegna estiva all'aperto, ha vissuto gran parte del 2020 con le porte chiuse. “C'è grande tristezza – osserva amaramente Rocco Frontera – e il rammarico maggiore riguarda l'incertezza sulla futura riapertura. La nostra sala, come le altre, è sempre stata sanificata e tutto è stato fatto secondo le norme rendendola un luogo forse più sicuro di altri che non hanno mai chiuso. In una realtà cittadina come la nostra non c'erano nemmeno problemi di spostamenti delle persone sui mezzi pubblici ma le restrizioni sono state adottate come se ci trovassimo in una realtà metropolitana. Attualmente dovrebbe essere possibile riaprire intorno al 15 di gennaio ma qualora la situazione lo consentisse non riusciremmo entro la fine del mese perché non ci sarebbero i tempi anche solo per fissare e comunicare il film. I ristori? Qualcosa è arrivato ma il nostro scopo non è quello di guadagnare ma di tenere aperto un presidio di cultura e socializzazione, abbiamo messo in cassa integrazione il nostro dipendente dopo la breve riapertura di ottobre, ora aspettiamo di poter riprendere anche se i pochi film che sono usciti sono andati sulle piattaforme o su Sky. È stato un anno orribile - conclude Frontera – ma le nostre luci e le speranze restano accese, abbiamo resistito fino ad oggi e continueremo a farlo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News