Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio - ore 21.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Coprifuoco frena i cinema, gli Impavidi guardano anche a Marinella

L'Italia ripartirà a maggio ma la rassegna estiva è in dubbio, il Moderno rimanda la ripresa. Cerri: "Mare e borgo potrebbero essere scenografie naturali".

ripresa a Sarzana
Teatro degli Impavidi

Sarzana - Val di Magra - Anche per i cinema e il teatro di Sarzana la grande incognita sulle riaperture riguarda la momentanea conferma del coprifuoco fino alle 22 da parte del Governo Draghi. Orario che ovviamente limita attività che lavorano prevalentemente nelle ore serali.
“Stiamo sistemando la sala per provare a riaprire il 6 maggio – spiega a CdS Rocco Frontera per il Cinema Italia – la programmazione al momento non è stata ancora definita ma inizieremo con un solo spettacolo, probabilmente alle 20, da definire in base alla durate del film scelto. Le perplessità principali – prosegue – riguardano la rassegna estiva che è di fatto incompatibile con il coprifuoco alle 22. Evidentemente chi ha scritto queste regole non è mai stato in un'arena cinematografica estiva perché mentre l'anno scorso venivano dati anche incentivi, oggi è praticamente impossibile allestirle visto che alle 21.00 c'è ancora molta luce”.

Problema che per il Multisala Moderno si aggiunge la carenza di grossi film in uscita: “Di sicuro non apriremo il 6 maggio – commenta amaramente Mimo Modaffari – ci vuole una programmazione seria e in questo momento non c'è visto che la situazione non è chiarissima. I film in distribuzione sono pochissimi e per noi avrebbe poco senso. Inoltre – aggiunge – il coprifuoco alle 22 ci obbligherebbe a fare un solo spettacolo, magari alle 20 o alle 19, perché prima non verrebbe nessuno. In queste condizioni potremmo aprire al massimo nel weekend ma valuteremo nei prossimi giorni. I ristori? Qualcosa è arrivato ma praticamente ci abbiamo pagato solo le spese”.

Difficoltà che, seppur con più soluzioni attuabili, li accomunano al Teatro degli Impavidi alle prese anche con le problematiche logistiche delle compagnie. “E' assurdo pensare di poter fare qualcosa all'aperto con il coprifuoco alle 22 – osserva il direttore artistico Andrea Cerri – in ogni caso stiamo anche ragionando su spazi alternativi a quelli del teatro. La nostra intenzione è di recuperare uno spettacolo nella seconda metà di maggio con due serate, vista anche la capienza ridotta che dovrebbe arrivare a poco più di cento posti. Altra incognita è quella dei colori perché se si tornerà in arancione bisognerà annullare tutto”.
Quanto agli spazi Cerri conclude: “Vorremmo sfruttare le due fortezze ma anche la tenuta o la spiaggia di Marinella. L'aia del borgo, il mare o lo spazio attorno alla statua di Fabbricotti, potrebbero essere location particolari per camminate performative o cose piccole da fare magari al tramonto o all'alba”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News