Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Giugno - ore 13.08

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Romeo e Giulietta, una canzone d’amore" per riaprire il sipario degli Impavidi

15 e 16 maggio
Romeo e Giulietta

Sarzana - Val di Magra - Il Teatro degli Impavidi di Sarzana riaprirà sabato 15 e domenica 16 maggio con un appuntamento speciale realizzato in collaborazione con Fuori Luogo, percorsi teatrali nel presente, la rassegna di teatro contemporaneo attiva da ben dieci anni a Spezia: ad aprire saranno due icone del teatro italiano come Paola Gassman e Ugo Pagliai protagonisti di Romeo e Giulietta, una canzone d’amore, la nuovissima produzione dei Babilonia Teatri.

Per la prima volta a Sarzana, in prima regionale, la pluripremiata compagnia veronese si confronterà con la storia d’amore più totale e profonda della storia del teatro affidata a due mostri sacri della scena teatrale italiana, coppia anche nella vita da oltre 50 anni.

Quando abbiamo deciso di mettere in scena Romeo e Giulietta – spiegano i Babilonia Teatri .- avevamo chiare due scelte: gli unici personaggi di Shakespeare presenti nello spettacolo sarebbero stati Romeo e Giulietta e ad interpretarli sarebbero stati due attori anziani. Le scene in cui Romeo e Giulietta si incontrano e dialogano, isolate dal resto del testo, assurgono a vere e proprie icone di un amore totale e impossibile. Il fatto che a pronunciarle siano Paola Gassman e Ugo Pagliai, coppia da più di cinquant’anni, le rende commoventi e profonde. Le rende concrete e per quanto poetiche non suonano mai auliche.

I continui riferimenti alla morte, alla fine, alla notte e alla tomba di cui Shakespeare punteggia l’intero testo qui assumono una veridicità che sconvolge e commuove, provoca un’emozione che ci spinge ad empatizzare con gli attori sulla scena.
Lo spettacolo procede attraverso un dialogo tra le parole di Shakespeare e una riflessione intorno a Romeo e Giulietta e a i temi che emergono dal testo. Riflessione che ha dei contorni assolutamente informali, dove trovano spazio approfondimento e leggerezza. Attori e registi si confrontano tra loro a viso aperto, condividendo col pubblico le domande che le parole del bardo hanno fatto sorgere loro durante la costruzione dello spettacolo. E’ un confronto che vuole aprire degli squarci nel testo, per scoprirne la vertigine e la follia, la violenza e la bellezza. Per provare a immaginare cosa Shakespeare non ha scritto ma noi – spiega la compagnia - ci prendiamo anche la licenza di aggiungere canzoni d’amore cantate in playback e balli illuminati solo da lucciole magiche che appaiono e scompaiono tra le mani degli attori.

Il procedere dello spettacolo è quindi dato da un continuo scivolare da Shakespeare ai sui interpreti, dalle sue parole alle nostre divagazioni, le rotture sono continue, talvolta coerenti altre spiazzanti.

Ci siamo permessi di inserire nello spettacolo – continuano i Babilonia - un mago illusionista. Sentivamo sulla pelle l’angoscia che percorre l’intera vicenda e avevamo una sola immagine in grado di ricreare quella stessa angoscia: un lanciatore di coltelli. Romeo e Giulietta per noi sono come una persona-bersaglio pronta a ricevere i lanci di un lanciatore di coltelli. Non avevamo parole per raccontarlo, né altre soluzioni per rappresentarlo, sul palco con noi si aggira un lanciatore di coltelli.

Il 21 e 22 maggio sarà la volta de Le allegre comari di Windsor della compagnia Atir di Milano. Edoardo Erba (drammaturgo) e Serena Sinigaglia (regista dello spettacolo) riadattano, tagliano e montando con ironia la commedia shakespeariana, innestando brani suonati e cantati dal vivo dal Falstaff di Verdi. In scena solo le donne, che danno parola anche ai personaggi maschili, assenti ma molto presenti: mariti, amanti, e, soprattutto, il più grande e non solo per stazza, Falstaff. Da lui tutto comincia e con lui tutto finisce. Le lettere d’amore che il Cavaliere invia identiche alle signore sono lo stimolo per trasformare il solito barboso e very british pomeriggio di tè in uno scatenato gioco dell’immaginazione, del desiderio, del divertimento. 

Il 28 e 29 maggio a chiudere la stagione sarà la verve comica di Antonella Questa con Svergognata: uno spettacolo che porta a galla le trappole in cui spesso inconsapevolmente cadiamo, ovvero il bisogno di approvazione, la schiavitù dell’immagine e della desiderabilità sociale che ci distraggono da ciò che realmente desideriamo e da ciò che siamo. Un sistema messo in crisi quando la protagonista scopre una serie di messaggi sul cellulare del marito con decine di “svergognate”.

I posti sono limitati e proprio per questo gli spettacoli saranno proposti in due turni e in doppia replica: al fine di garantire una distanza interpersonale tra gli spettatori maggiore di quella minima prevista dalla normativa in platea verrà utilizzata una fila sí e una fila no, i posti saranno distanziati di 2 poltrone, mentre i palchetti saranno riservati ai congiunti o ai singoli spettatori. La capienza passerà dai 380 a circa 110 spettatori a serata. Gli ambienti saranno igienizzati ad ogni turno di spettacolo, cosi come i filtri di areazione e il personale del teatro sarà costantemente monitorato attraverso i tamponi.

I biglietti sono acquistabili o prenotabili presso la Biglietteria del Teatro (tutti i martedi e giovedi dalle 9.30 alle 12.30 e i giorni di spettacolo negli stessi orari e dalle 18.00 alle 19.30)
I prezzi dei singoli spettacoli vanno da 14 euro a 34 euro.

Per info:
Tel. 346 4026006
teatroimpavidi@associazionescarti.it
www.teatroimpavidisarzana.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News