Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio - ore 21.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“E per compir la pari, giù botte ai popolari”

L'intervento di Egidio Banti per l'anniversario dei fatti di Sarzana.

Un secolo fa
Renato Ricci con la squadra carrarese

Sarzana - Val di Magra - “E per compir la pari, giù botte ai popolari...”: i versi di uno degli inni cantati negli anni Venti dalle squadre fasciste ci ricorda come, rispetto agli avversari politici, le camicie nere non facessero poi troppa differenza tra comunisti e cattolici, tra sinistra e centro. I fatti di Sarzana, dei quali mercoledì 21 luglio viene ricordato il centenario, confermano in qualche modo quell’assunto. Alla base della vicenda che, come è noto, vide i carabinieri del capitano Guido Jurgens - fatto pressoché unico in Italia - fermare nel piazzale della stazione di Sarzana oltre cinquecento fascisti, intenzionati a marciare sulla città per liberare dal carcere il loro capo e futuro gerarca Renato Ricci, ci sono infatti alcune “spedizioni punitive” che nei giorni precedenti avevano portato le squadre delle camicie nere di Carrara ad imperversare tra Aulla e Sarzana. In particolare, a Santo Stefano Magra, cittadina che per loro era solo di passaggio, ma tanto bastava, vennero uccise due persone, e una terza morì alcuni giorni dopo. Uno dei tre, Luigi Del Vecchio, di 47 anni, era un iscritto al partito popolare, un altro, Edoardo Vannini di 36 anni, era suo cognato, e il terzo, Teodoro Felice Ferrari, viene presentato da alcuni giornali di allora come “clericale”. In realtà, Santo Stefano era, in quel periodo, una roccaforte del partito di don Sturzo nella vallata, mentre, al contrario che a Sarzana - dove i socialisti avevano vinto le elezioni dell’anno prima, insediando a palazzo Roderio il sindaco Pietro Arnaldo Terzi -, in quel periodo non risulta ci fossero sezioni attive socialiste né tanto meno comuniste. Ma per gli uomini di Ricci, che proprio in seguito ai fatti di quel 17 luglio venne arrestato con altri camerati, non c’era molta differenza, al di là delle parole concilianti che in quei giorni Mussolini pronunciava alla Camera. Le violenze del resto, di qualunque tipo, non potevano essere in alcun modo accettate dal partito che richiamava la propria ispirazione cattolica. Vannini e Del Vecchio sarebbero così stati uccisi solo perché gli abitanti del borgo avevano difeso da insulti e violenze una ragazzina di dodici anni, Dina Giannini, colpevole soltanto di indossare un ... vestito rosso. Cento anni dopo le cose, per fortuna, stanno diversamente. Ma la violenza e la sopraffazione, così come le ingiustizie di ogni genere, covano spesso sotto la cenere. Anche se non è impossibile scorgerle in anticipo, come l’”uovo del serpente”, per citare il film di Bergman sulle origini del nazismo in Germania. Il centenario di Sarzana, nei prossimi giorni, aiuterà a riflettere anche su questi temi.

EGIDIO BANTI

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News