Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 05 Maggio - ore 19.49

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Deferito per maltrattamento di cani, sanzioni a pioggia

I quadrupedi vivevano in condizioni di scarsa igiene, avevano solo acqua da bere e uno di loro era legato alla catena con il rischio di impigliarsi in una lamiera posta a terra nelle vicinanze.

Animali sequestrati
Deferito per maltrattamento di cani, sanzioni a pioggia

Sarzana - Val di Magra - Militari appartenenti alle stazioni dei carabinieri forestali di Sarzana e Follo congiuntamente ai veterinari del servizio sanità animale spezzino, hanno effettuato un'attività di controllo all’interno di una azienda agricola nel comune di Castelnuovo Magra. La struttura è stata adibita dal titolare a maneggio e ricovero per cani, infatti al momento del controllo erano presenti sette esemplari di cavallo, un pony e tre cani meticci. Al termine dell’accertamento sono state riscontrate delle irregolarità sulla gestione della movimentazione degli equidi: gli animali presenti erano stati infatti spostati presso la struttura senza la compilazione dell’apposito modello. Il titolare oltre ad aver costruito una tettoia aperta sui quattro lati con copertura in onduline di eternit aveva anche altri pannelli depositati a terra per una quantità totale di 20. La legge prevede detentori di materiali di questa natura devono denunciarne la proprietà alla Asl ma non risulta che il titolare abbia assolto tale obbligo e pertanto verra' sanzionato ai sensi della normativa vigente. Durante l'accertamento venivano rinvenuti in un'altra struttura tre cani di razza meticcia di cui uno maschio e due femmine dei quali uno solo era provvisto di microchip identificativo. Gli animali erano detenuti all’interno di una baracca costruita con materiale di recupero in maggior parte lamiere e reti da letto. I quadrupedi vivevano in condizioni di scarsa igiene: disseminati sul terreno erano infatti presenti rifiuti vari ed escrementi.

Secondo la nota emessa dai carabinieri forestali gli animali avevano solo acqua da bere e uno di loro era legato alla catena con il rischio di impigliarsi in una lamiera posta a terra nelle vicinanze. I medici riscontravano anche lo stato di salute di una femmina che presentava una grossa neoformazione a livello perianale, presumibilmente di origione tumorale e che non era mai stata sottoposta ad una verifica veterinaria. Il personale veterinario concordava che era in atto un maltrattamento in quanto la detenzione non era etologicamente ammissibile. Veniva quindi eseguito il sequestro di tutti i cani che con l'ausilio del servizio Maris convenzionato venivano trasportati e affidati al canile municipale della Spezia. Il titolare e gestore dell’azienda agricola verrà deferito all'autorità giudiziaria per il reato di maltrattamento di animali e verrà sanzionato amministrativamente per l'assenza della documentazione relativa spostamenti degli equidi (modello 4), per l’assenza di microchip dei due cani e per la mancata denuncia della presenza del materiale in eternit.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News