Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Aprile - ore 18.42

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ricordi, pensieri e poesie per protestare contro i lavori ai giardini di Bocca di Magra

Prosegue la mobilitazione del comitato dei cittadini che contestano l'intervento di riqualificazione.

Protesta del Comitato Bocca di Magra

Sarzana - Val di Magra - Continua la protesta pacifica del Comitato di Bocca di Magra per contrastare le scelte del progetto di riqualificazione del lungofiume firmato dall’Architetto Giuseppe Lunardini per il Comune di Ameglia. Tanti pensieri, ricordi, poesie sono apparsi sulle transenne del cantiere ieri mattina scritti da chi vive, ama e conosce il borgo al confine tra Liguria e Toscana. Sono arrivati a decine all’indirizzo del Comitato. Eccone alcuni: “Pretendiamo rispetto per la storia di Bocca di Magra, per le sue caratteristiche”; “Non roviniamo questo angolo di spontanea bellezza banalizzandolo con aggiunte scontate e finti ornamenti”; “Non affoghiamo Bocca di Magra nella gentrificazione”. Tra le adesioni, anche quella del famoso scrittore amegliese Roberto Pazzi che ha voluto inviare i versi di una sua poesia dedicata alla foce del Magra. In discussione non c’è la scelta di investire sul borgo, ma il modo in cui è stato fatto e l’incapacità dell’Amministrazione comunale di aprire un dialogo costruttivo con i residenti e con i tantissimi proprietari delle case di vacanza che hanno scelto Bocca di Magra per la sua identità ligure, schietta, semplice e non artificiosa nelle caratteristiche naturali e abitative. Non si tratta di bello o di brutto, ma del desiderio di salvaguardare l’identità del paese e la bellezza che è di tutti e non dei soli rappresentanti (pro tempore) del governo del territorio.

Il Comitato rinnova l’appello all’Amministrazione comunale per "aprire l’area degli ex-Giardini, ormai preclusa da troppi mesi alla fruizione di residenti e ospiti della frazione dopo le ripetute e sempre disattese assicurazioni, da parte del Sindaco e dell’Assessore Bernava, di imminente conclusione dei lavori. Il Comitato aspetta ancora risposte formali e fattive alle molte richieste rivolte all’Amministrazione comunale che paiono essere cadute nel vuoto. Il Comitato teme che il proseguo dei lavori in programma, anziché opera di ripristino e di “riqualificazione”, aggraverà la cementificazione delle rive del fiume perché frutto di un disegno progettuale avulso dal contesto storico e paesaggistico".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News