Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio - ore 16.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Nel borgo (sempre più vuoto) di Pulica l'artigianato è rinato durante lockdown | Foto

La testimonianza
Nel borgo (sempre più vuoto) di Pulica l'artigianato è rinato durante lockdown

Sarzana - Val di Magra - Qualche giorno fa, un lembo di Lunigiana ha ospitato Franco Arminio, poeta e scrittore, ma soprattutto inventore della “paesologia”, la narrazione dei paesi abbandonati o comunque marginali; ma se la firma più alla moda di questo tipologia di racconto e di nuovo attraversamento delle marginalità avesse fatto qualche passo in più, insomma se Arminio avesse continuato il percorso si sarebbe entusiasmato con Pulica, frazione di Fosdinovo, provincia di Carrara. Dove ci sono tutti gli elementi generalmente portatori di meraviglia ai suoi occhi. Fattori vitali, nonostante tutto, che ogni sguardo comunque può cogliere: pochi abitanti (specialmente anziani), vie strette (spesso tutte colorate di pietra), qualche fiore e alcune piante in tanto verde del cammino un poco sentiero paesano appunto e il minimo indispensabile di donne e uomini appartenenti alla vasta categoria dei non vecchi. Con tanto di bar-ristorante-bottega. In attesa, forse ma non necessariamente, di qualche turista o almeno visitatore, di passanti che - distratti dalle attenzioni dei punti d'arrivo più inflazionati - si portino qui sopra a fare due passi. Magari a comperare qualcosa. Eppure, proprio qui, il secondo e per ora terminale giro di crisi pandemica ha portato a rafforzare un'idea alla fine neppure inedita. Alcune persone, fra le quali alcuni non abitanti quotidiani di queste lande incise fra boschi e panorama marino, hanno pensato di dare gambe e una sede all'idea di riprendere concretamente in mano il discorso della valorizzazione dell'artigianato locale.
E hanno fondato, aprendo perfino una sede nella via principale, se così si può dire per l'arteria che porta al cuore di questa frazione di Fosdinovo - borgo già di suo vittima di spopolamento -, “PulicArtigiana”. Martina Federighi, per esempio, è originaria d'Empoli. Ma il suo compagno Emiliano è fosdinovese doc. Il loro figlio elfo, Leo, ha 4 anni e mezzo. Hanno casa da tutt'altra parte. Epperò sono innamorati di queste zone, nelle quali tornano e spesso si fermano molto col loro camper. A Federighi abbiamo fatto qualche domanda.

Da quanto tempo ti dedichi all'artigianato, e che materia prima prediligi per realizzare per esempio i tuo orologi tanto fascinosi?
“Lo faccio dal periodo di lockdown praticamente, e uso il legno, radici di castagno o di erica, che trovo nei boschi della zona. Che lavoro dunque con gli scalpelli o con il drimmel”.
Il fatto che lei abbia cominciato a intagliare il legno durante le chiusure varie e diverse della pandemia, ha quindi facilitato una domanda anche più profonda.
Pensi che questa dedizione che usate, oltre ad arrivare alla produzione d'oggetti che si possono vendere, vi possa dare qualcosa a livello interiore?
E la risposta di Martina Federighi lascia pochi dubbi. Ché nonostante le bellezze dei luoghi e la gioia dei suoi prossimi, qualcosa manca spesso a tante e tanti. Una specie d'almeno piccola insoddisfazione che sopravvive a tante, troppe, cure di quiete. E in Martina Federighi, per esempio, pulsa pure quando decide di prendere la chitarra e muovere la voce intima. “Io ho iniziato a farlo - riflette Martina - perché spesso trovavo radici di legno bellissime, e mi ci sono appassionata, ma mi ci sono appassionata forse perché scavare il legno è diventato un po' una specie di meditazione, come se cavando in lui scavassi in me stessa”.

N.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News