Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 02 Agosto - ore 17.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Movida a Sarzana: musica fino a mezzanotte e divieto di cessione di alcolici

Nuova ordinanza del sindaco condivisa con associazioni di categoria e Prefettura. Ponzanelli: "Vogliamo conciliare vitalità del centro con esigenze di attività e cittadini".

"ordinanza non penalizza locali"
Movida a Sarzana: musica fino a mezzanotte e divieto di cessione di alcolici

Sarzana - Val di Magra - Dopo la prima ordinanza a tema movida del 18 giugno scorso, il sindaco di Sarzana Cristina Ponzanelli ha firmato un nuovo provvedimento che mira ad una più efficace gestione del flusso di persone che frequenta vie e piazze del centro nelle ore notturne ma anche ad una tutela dell'attività di bar e locali e riposo dei residenti. Questo anche alla luce degli spiacevoli episodi avvenuti nelle ultime due settimane.
Il documento nel dettaglio prevede chiusura alle 2 di tutte le attività; il divieto di consumo di alcolici all'esterno delle aree di pertinenza dei locali; dalle 24 in poi il servizio solo al tavolo con divieto di asporto; lo stop alla musica dalle 24 in poi salvo deroghe per eventi; il divieto di vendita di alcolici dalle 22 in poi per negozi di vicinato e distributori automatici; il divieto di vendita e cessione di alcolici a minori. Restrizioni in vigore in piazza Cesare Battisti, ex aree Giorgi e Cabano, piazza Martiri, piazza Terzi, Piazza Darwin, via Emiliana, via Ronzano, viale Alfieri, viale Dante Alighieri, piazza Avis e via della Pace. Con multe per i trasgressori da 75 a 500 euro.
L'ordinanza ieri è stata portata anche al Comitato per l'ordine pubblico che si è tenuto in Prefettura, dove il sindaco ha preso atto con soddisfazione delle alcune decine di segnalazioni sugli autori di intemperanze – provenienti per la maggior parte da fuori regione – chiedendo anche il mantenimento dei controlli e ai colleghi l'omogeneità di provvedimenti sul territorio per evitare che la gente si sposti da un comune all'altro a seconda degli orari previste dalle ordinanze.

“Ringrazio il Comitato per la pronta risposta sui controlli – ha detto oggi Ponzanelli – perché importante che vengano individuati i responsabili di determinate condotte, bisogna far passare il messaggio che non si viene a Sarzana a combinare qualcosa senza pagarne le conseguenze. Ringrazio anche le associazioni di categoria per la collaborazione prestata e per le idee condivise anche negli interessi degli esercenti perché questa ordinanza favorisce i locali e non li penalizza. Non deve crearsi – ha sottolineato – una contrapposizione fra attività e residenti, se la città è vivace e ci sono delle regole può vivere nel rispetto di tutti. Vogliamo solo evitare che si ripetano le brutte scene che abbiamo visto in questi giorni”.
“I nostri ragazzi, e in particolare i più giovani – ha proseguito Ponzanelli – hanno vissuto mesi difficili e molti non riescono a contenere la loro esuberanza, c'è una piccola minoranza che eccede ma non dobbiamo demonizzare una generazione perché abbiamo tantissimi esempi di ragazzi impegnati nella Protezione Civile, nella Pubblica Assistenza e in molte iniziative lodevoli. Apprezzo molto il lavoro delle Forze dell'ordine che stanno facendo uno sforzo per arginare un problema sociale, che non è solo sarzanese, cercando di contattare anche le famiglie dei ragazzi. Vogliamo – ha concluso – conciliare la vitalità del centro storico con le esigenze di attività e cittadini”.

I contenuti dell'ordinanza – che per ora sarà in vigore per tutto luglio - questa mattina sono stati illustrati anche alle associazioni di categoria che a breve insieme all'amministrazione lanceranno anche una campagna di comunicazione con cartelli informativi per tutelare anche gli esercenti. “Le attività – ha detto Fabio Lomabrdi di Confesercenti, per i colleghi di Cna, Confartigianato, Confcommercio e Fipe – sono state un po' le vittime di ciò che è accaduto in centro. L'ordinanza va proprio nella direzione di lavorare tutti nel migliore dei modi con una clientela rispettosa della città e di chi la vive”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News