Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Aprile - ore 20.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore, la Presidenza del consiglio dice ancora no a Vezzano

Il Comune ha presentato un approfondimento a sostegno della sua opposizione all'esito della conferenza dei servizi. Da Roma il solito verdetto: "Iniziativa non ammissibile".

L'impianto rifiuti

Sarzana - Val di Magra - Male la prima. Male anche la seconda. Doppio pollice verso dalla Presidenza del consiglio al Comune di Vezzano Ligure, che si è rivolto a Palazzo Chigi presentando opposizione all'esito della conferenza dei servizi che lo scorso dicembre ha dato l'ok al progetto del biodigestore di Saliceti. Nelle scorse settimane da Roma era arrivato un primo no all'ente comunale vezzanese, ritenuto non titolare a opporsi alla determinazione della conferenza. Tuttavia, nella risposta al Comune, il dottor Notarmuzi, sulla scorta di un pronunciamento del Consiglio di Stato, aveva palesato all'ente la possibilità di farsi nuovamente avanti, entro due settimane, in caso di particolari attribuzioni all'ente comunale in materia di tutela degli interessi sensibili. Palazzo civico non si è fatto pregare e ha nuovamente interpellato la Presidenza. Di queste ore la risposta del Segretariato generale, a firma dell'avvocato Sergio Fiorentino.

“Con nota del 17 marzo 2021 – si legge nella comunicazione arrivata da Roma -, codesto Comune ha fornito l'approfondimento richiesto rilevando, in primo luogo, che il contrasto del progetto in questione con il Piano urbanistico comunale (Puc) avrebbe ricadute sotto il profilo paesaggistico-territoriale, alla cui tutela il medesimo comune si qualificherebbe quale ente preposto. A tal riguardo, si osserva che non è stata indicata alcuna disposizione di settore atta – come richiesto dal Consiglio di Stato nel menzionato parere – a comprovare una specifica competenza del comune nella tutela dell'interesse paesaggistico-territoriale. D'altro lato, dalla documentazione esaminata, emerge che il comune di Vezzano Ligure, nell'ambito della conferenza di servizi, non ha rilasciato (né tantomeno avrebbe potuto) alcuna autorizzazione/parere volto a tutelare siffatto interesse, al quale è invece preposta la competente Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la Città metropolitana dl Genova e la provincia della Spezia, che si è favorevolmente espressa, per il tramite del Rappresentate unico, nel corso della riunione del 7 ottobre 2020. Né tantomeno può ritenersi che il comune di Vezzano Ligure, come affermato nella nota del 17 marzo 2021, sia legittimato alla tutela dell'interesse paesaggistico-territoriale in forza dell'art 9 della legge della Regione Liguria 6 giugno 2014, n. 13. E' vero che tale disposizione delega ai Comuni le funzioni in materia di paesaggio e, in particolare, il rilascio dell'autorizzazione paesaggistica, ma unicamente per gli interventi pubblici o privati 'non rientranti fra quelli riservati alla competenza autorizzativa della Regione in base all'articolo 6', tra i quali figura quello in oggetto”. Quindi, aggiunge l'avvocato Fiorentino, “la delega al rilascio dell'autorizzazione paesaggistica operata dalla legislazione regionale non può, in ogni caso, ritenersi idonea ad assegnare al Comune di Vezzano Ligure la qualifica di ente 'preposto' alla tutela dei beni paesaggistici e del paesaggio”.

Ma il Comune ha messo sul tavolo, come legittimazione all'opposizione, anche le competenze del sindaco in materia sanitaria. Anche qui però l'esito non è favorevole a Vezzano. In particolare, dalla Presidenza si cita un pronunciamento del Consiglio di Stato de 2019 che asserisce come le competenze di cui si parla “non presentano più le […] caratterizzazioni di specificità e tecnicità, tali da renderle idonee a legittimare l'opposizione”. E a questa si assommano ulteriori passaggi del Consiglio di Stato menzionati dall'avvocato Fiorentino per suffragare la non ammissibilità dell'opposizione prodotta dal Comune di Vezzano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News