Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 13.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Coldiretti: "Disservizi alla linea, aziende e famiglie isolate in Lunigiana"

Soprattutto nelle zone di Licciana, Comano, Fivizzano e Mulazzo.

"Tagliate fuori dal mondo"
Mulazzo

Lunigiana - "Aziende e famiglie isolate in Lunigiana. E non per la sola colpa del maltempo". A segnalare i disservizi alle linee delle telefonia è Coldiretti Massa Carrara. "Il maltempo che sta sferzando la Lunigiana in questi giorni - osservano dall'associazione - ha aggravato l’atavica fragilità di connessione che sta mettendo in gravi difficoltà imprese e cittadini. Una fragilità, quella delle linee telefoniche e dati, più volte denunciata anche negli scorsi mesi".

“Ci sono zone della Lunigiana, in particolare sui versanti di Licciana Nardi e Comano, Fivizzano e Mulazzo – spiega Francesca Ferrari, presidente Coldiretti Massa Carrara – che denunciano e manifestano problemi alle linee telefoniche e internet da mesi senza però aver mai trovato una vera soluzione o anche solo una risposta. Il disservizio sta diventando insostenibile. Non possono chiamare, non possono usare nessuno dei servizi di telefonia internet, non possono comunicare. Sono tagliate fuori dal mondo. Nel 2021 è una situazione veramente paradossale e vergognosa se pensiamo che molte di queste aziende vivono di turismo e relazioni. Diverse aziende agricole hanno già inviato Pec e comunicazioni ufficiali alle compagnie e alla Regione Toscana per far presente il disservizio e chiedere una soluzione. Soluzione che oggi chiede anche ufficialmente Coldiretti”.

E proprio sul fronte della digitalizzazione Coldiretti punta, attraverso anche il recovery plan, a interventi per la transizione digitale per i territori con difficoltà di connessione e per diffondere le tecnologie dell’innovazione digitale connettendo le macchine e gli strumenti dell’agricoltura di precisione, migliorare la vivibilità dei piccoli comuni e borghi rurali attraverso il miglioramento della connettività e della possibilità di accesso ai servizi digitali, recuperare quelle terre abbandonate o incolte che le nuove capacità di analisi, gli innovativi sistemi sensoriali e la diffusione della conoscenza, anche in relazione ai mutamenti climatici, potrebbero ritornare produttive. “L’agricoltura è pronta ad abbracciare il futuro – conclude la Ferrari – ma senza infrastrutture digitali questo futuro si allontana sempre di più. Le aziende agricole, che in questo territorio sono vocate al turismo rurale, e quindi all’accoglienza, forniscono un servizio inadeguato dal punto di vista della connettività. Sono problematiche reali e quotidiane. La Lunigiana ha perso, anche per queste carenze, la possibilità di puntare sul lavoro da remoto come forma alternativa al turismo tradizionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News