Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Giugno - ore 21.49

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Affondamento di relitti per trasformarli in attrazioni turistiche, il Consiglio regionale si spacca

Centrodestra contro centrosinistra
Affondamento di relitti per trasformarli in attrazioni turistiche, il Consiglio regionale si spacca

Liguria - Con 18 voti a favore (maggioranza) e 9 contrari (minoranza) è stato approvato l’ordine del giorno 216, presentato da Alessandro Bozzano (Cambiamo con Toti presidente) e sottoscritto dai colleghi del gruppo che impegna la giunta ad attivarsi presso il Governo affinché venga esaminata la possibilità di inserire la normazione dello “scuttling” nel novero della legislazione dello Stato. Nel documento si rileva che l’affondamento programmato dei mezzi dismessi della Marina, cioè lo scuttling, è un’opportunità in termini di valorizzazione storico culturale delle navi mentre attualmente questi sono considerati rifiuti. Sarebbe opportuno che il legislatore – si legge nel testo - legittimasse questa pratica attraverso proposte e progetti e finanziasse l’affondamento programmato dei mezzi dismessi della Marina, intravedendo una possibile opportunità di valorizzazione storico culturale del naviglio dismesso.
L’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone ha espresso parere favorevole sul documento e ha ricordato che la pratica è già stata adottata in altri Paesi. L’assessore ha assicurato il sostegno della giunta, a livello governativo, per arrivare ad una legislazione in materia.

Selena Candia (Lista Ferruccio Sansa presidente) ha annunciato il voto contrario del gruppo rilevando che alcuni materiali, soprattutto nelle navi militari, vanno rimossi per motivi di sicurezza e questo comporterebbe, peraltro, notevoli costi. Candia ha suggerito altre iniziative per valorizzare le bellezze naturali sottomarine e incentivare il turismo subacqueo.
Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) ha manifestato forti perplessità sul documento e sulla compatibilità dello scuttling con la tutela ambientale non escludendo, però, un approfondimento sul tema nella competente commissione.
Enrico Ioculano (Pd-Articolo Uno), condividendo le perplessità di Candia, ha proposto a Bozzano di rinviare nella competente commissione l’ordine del giorno per rivedere, in particolare, l’impegnativa. La proposta è stata respinta.
Davide Natale (Pd-Articolo Uno) ha ribadito la contrarietà del gruppo all’ordine del giorno perché non conterrebbe una logica per valorizzare i beni ambientali sottomarini.
Angelo Vaccarezza (Cambiamo con Toti presidente) ha espresso parere favorevole spiegando che alcuni relitti sono diventati luogo di ripascimento della fauna ittica e ha citato il caso di una nave affondata al largo di Loano. Il consigliere, infine, ha rilevato la necessità di una legge nazionale per regolamentare la materia.
Sergio Rossetti (Pd-Articolo Uno) ha replicato a Vaccarezza annunciando voto contrario all’ordine del giorno. La valorizzazione del territorio e dell’ecosistema, secondo il consigliere, non avviene con l’affondamento di navi ormai inutilizzabili.
Ferruccio Sansa (Lista Ferruccio Sansa Presidente) ha rilevato che nei relitti ci possono essere sostanze tossiche nocive per la fauna sottomarina.
Lilli Lauro (Cambiamo con Toti Presidente) ha ribadito il voto favorevole al documento e ha ricordato che l’ordine del giorno chiede di regolamentare la materia in modo da esercitare controlli sui relitti affinché possano portare benefici a pesca e turismo.
Sauro Manucci (FdI) ha sottolineato che lo scuttling prevede l’affondamento mirato delle navi in modo da creare vere e proprie barriere sommerse a tutela dell’ambiente marino, e ha citato il contrasto della pesca con reti a strascico, e per il ripopolamento ittico. Manucci ha annunciato voto favorevole.
Claudio Muzio (FI-Liguria Popolare) ha condiviso quanto dichiarato da Manucci rilevando la funzione strategica delle barriere artificiali, create anche dalle imbarcazioni affondate, che impediscono il prelievo ittico con le reti a strascico.
Stefano Mai (Lega Liguria-Salvini) ha invitato l’Assemblea a votare rapidamente a favore dell’ordine del giorno di Bozzano e, rispetto ad alcuni interventi precedenti, ha sottolineato che la pesca a strascico ormai è una disciplina molto ridotta e ben regolamentata.
Fabio Tosi (Mov5Stelle) ha annunciato il voto contrario all’ordine del giorno rilevando che sarebbe stato meglio un approfondimento nella competente commissione consiliare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News