Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 18 Aprile - ore 21.42

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L’industria manifatturiera negli ultimi dieci anni ha perso il 14%

Secondo l'analisi dello Studio Temporary Manager le estremità della Liguria sono le più colpite: alla Spezia supera il 15%. I motivi? Assenza di adeguata managerialità e conduzione familiare.

"servono occhi esterni"
Saldatore

Liguria - L’industria manifatturiera ligure, con il 2,1% di aziende sul totale manifatturiero in Italia, nel III trimestre 2020 ha registrato 9.817 imprese attive, in calo del -0,4% rispetto al 2019 e del -13,9% sul 2010 (la media nazionale è del -13%). Un dato che vede la regione al 14° posto in Italia per numero di aziende manifatturiere, posizionandola al 9° per tasso di calo più marcato dal 2010 a oggi. La fotografia realizzata da Studio Temporary Manager, società specializzata nei servizi di temporary management al fianco delle aziende in difficoltà, mostra come gli imprenditori nell’ultimo decennio si siano trovati impreparati a dover gestire le proprie aziende. Realtà per lo più familiari, spesso con figure manageriali inadeguate, soprattutto a livello direttivo, aziende quindi poco competitive, con una visione all’internazionalizzazione talvolta non ben pianificata e con una scarsa propensione agli investimenti in innovazione tecnologica. A questi aspetti si aggiunge anche il mancato ricambio generazionale (a cui andrà incontro il 50% delle aziende italiane entro il 2025), dove gli imprenditori, nonostante l’età, sono sempre più restii a pianificare il passaggio del testimone. Una situazione di crisi su cui la pandemia da Covid-19 potrebbe ulteriormente impattare.

Tuutte le province liguri negli ultimi dieci anni hanno registrato un calo delle imprese manifatturiere attive, con valori più alti a Imperia (-15,4%) e nella provincia della Spezia (-15,2%). Seguono Savona (-14,6%) e Genova (-13,1%). Dall'alto dei suoi numeri, Genova (5.519 imprese) si conferma, invece, il territorio con il numero più alto di aziende del settore. "Il Covid-19 ha generato una crisi globale, che può ‘mordere’ più a fondo e pericolosamente per la sopravvivenza dell’azienda, e questo dipende anche da quanto impreparati si è arrivati alla stessa, se l’azienda porta dietro di sé problemi atavici irrisolti o una finanza gestita poco oculatamente - ha dichiarato Gian Andrea Oberegelsbacher, socio e ad dello Studio Temporary Manager - La crisi può essere una fonte di stimolo per riguardare alla propria realtà con occhi esterni e non coinvolti affettivamente, per risolvere non solo la gestione della crisi attuale, ma i problemi perduranti insiti in ogni impresa e difficili da risolvere da chi ci lavora dentro, con approcci più manageriali. In questi casi è importante avere alla guida manager esperti, in grado non solo di rilanciare l’azienda, ma anche di dare nuovi stimoli all’imprenditore stesso".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News