Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Aprile - ore 13.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Toti potenzi la campagna vaccinale invece di commentare chi si astiene"

duro il sindacato nursing up
"Toti potenzi la campagna vaccinale invece di commentare chi si astiene"

Liguria - “La stragrande maggioranza degli infermieri ha aderito alla campagna di vaccinazione e sarebbe singolare il contrario. La nostra professione è basata su una duplice responsabilità: quella soggettiva che abbiamo nei confronti del cittadino e della sua vita, nonché dell’intera collettività. Ciò posto, gli infermieri e gli altri professionisti sanitari hanno il sacrosanto diritto di ricevere ogni dettagliata e doverosa indicazione preliminare sugli effetti, sui rischi delle vaccinazioni, ed ogni altra informazione, ed è altresì evidente che di fronte a questo virus, che mette a repentaglio la vita dell’intera collettività, la nostra categoria senta in modo particolare questa responsabilità”.

Enrico Boccone, segretario del Nursing Up Liguria prende la parola e decide di fare chiarezza sui casi di infermieri che hanno temporeggiato per fare il vaccino e che sono finiti all’onore delle cronache in questi giorni. “Bisogna però tener conto di alcune condizioni di salute personali che potrebbero indurre il professionista interessato ad un’attenta riflessione, ma questo non significa certamente essere contrario all’utilizzo dei vaccini.
Troviamo quindi inopportune le dichiarazioni del Governatore Toti, che, invece di porre l’accento su sporadici casi (peraltro da approfondire), dovrebbe, invece, pensare ad implementare la campagna vaccinale in Liguria, anche utilizzando gli strumenti già indicati nell’ultima finanziaria, ovvero le prestazioni aggiuntive per medici ed infermieri”.
In una sorta di lettera aperta ai giornali e ai cittadini il Nursing Up Liguria spiega come si stia assistendo ad una sorta di “caccia alle streghe” nei confronti di pochi isolati casi di colleghi che ancora non si sono vaccinati. “Sentiamo parlare di ipotesi su leggi regionali che possano imporre l’obbligo vaccinale ai professionisti sanitari o a possibili estensioni di un atto infermieristico (iniezione intramuscolare) anche ad altri profili".

"Ci preme ricordare al Governatore che con risoluzione n. 2361, il Consiglio d’Europa, vieta agli Stati membri, di rendere obbligatoria la vaccinazione Covid e vieta di usarla per discriminare lavoratori o chiunque decida di non avvalersi della vaccinazione. Riteniamo che alcune dichiarazioni espresse, dovrebbe essere quantomeno più misurate, anche per non creare allarmismo e diffidenza nei confronti di una categoria che, più di ogni altra, ha pagato un prezzo salatissimo in termini di contagi e vite umane nell’adempimento del proprio dovere. Una professione svolta con un altissimo spirito di civico servizio, anche da quei pochissimi colleghi che hanno legittimamente deciso di riflettere più a lungo rispetto ad altri sull’opportunità di vaccinarsi”.

Per ciò che concerne la campagna vaccinale, poi, il sindacato è estremamente preoccupato del fatto che non si riescano a somministrare il 100% delle dosi disponibili. “Chiediamo quindi che da subito si dia mandato alle Aziende Ospedaliere liguri, di attivare le prestazioni aggiuntive con una programmazione che permetta di mettere in campo tutti i professionisti necessari al fine di somministrare tutte le dosi di vaccino disponibile e quelle che arriveranno, nel più breve tempo possibile”.
Ad oggi risultano somministrate solo poco più del 70% circa delle dosi disponibili, il che significa che migliaia di cittadini sono ancora in attesa delle due dosi. Situazione non certo confortante, se si tiene conto che tanti ultra ottantacinquenni sono ancora in attesa di ricevere la prima dose, per non parlare di altre categorie, come ad esempio gli insegnanti. I numeri in quel caso sono anche peggiori. Gli infermieri e tutti i professionisti sanitari, in attesa delle decisioni della politica, sono disponibili a fare la loro parte, al servizio del cittadino e della collettività".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News