Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Giugno - ore 18.52

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Ogni vaccino è buono, il nemico è il Covid"

In Regione celebrata la campagna 'Adulti e vaccinati', maglietta inviata a Chiara Ferragni sperando sposi l'iniziativa. Proventi alla Croce rossa.

"Dai giovani una lezione"

Liguria - La campagna 'Adulti e vaccinati' protagonista oggi pomeriggio nella Sala della trasparenza della Regione Liguria. “Un'iniziativa bella, simpatica e che mi smagrisce anche”, ha affermato il presidente Giovanni Toti indossando la t-shirt in versione nera. “Vaccinarsi oggi non è un diritto ma un dovere che tutti dovrebbero seguire con grande rigore – ha proseguito -. La Liguria come vaccinazioni è in testa da settimane anche grazie ai grandi hub. Un grande piacere la mole gigantesca di giovani che si è attivata per vaccinarsi, ne ho incontrati molti in coda quando sono andato a vaccinarmi con Astrazeneca. Dai ragazzi una lezione di fiducia a chi, più grandicello, talvolta ha stentato a fidarsi della scienza. Anche se devo dire che politica e scienza su qualche vaccino qualche casino di troppo l'hanno fatto. Credo che ci siamo resi tutti conti che ogni vaccino è buono, la cosa brutta è il Covid, non il vaccino. Non dico che oggi, 2 giugno, ago e siero valgano il referendum istituzionale, ma bisogna dar loro il giusto valore”.

Quindi i giovani Riccardo e Valentina, promotori della campagna. “Nasciamo come associazione, con un'idea precisa: far capire alla gente che sui social network esiste una 'bolla' che non sempre rispecchia la realtà e dare voce a quelle persone che solitamente sui social si astengono dal partecipare al chiasso che si fa sui vaccini. L'Italia chi chiede di vaccinarci e noi ci prendiamo questo impegno, e come noi molti altri. Speriamo che la gente sia il nostro testimonial. C'è una enorme maggioranza di italiani che vuole lasciarsi alle spalle questo periodo e diventare adulta e vaccinata”. I proventi delle magliette, in versione bianca o nera e con lo slogan declinato al maschile e al femminile, vanno alla Croce rossa. La campagna è presente su Facebook e Instagram.

Il direttore generale Asl3, Luigi Carlo Bottaro, ha ricordato “quante volte io e il presidente siamo stati massacrati, anche in maniera priva di sostanza e contenuti, su ogni tipo di azione intrapresa nella battaglia contro il Covid, battaglia che non dico ora sia stata vinta, ma siamo veramente ben messi. Lavorare bene ripaga”. Anche dal dottor Bottaro elogio alla 'mobilitazione' dei giovani in chiave vaccino: “Un grande senso di altruismo che spesso noi adulti, nei confronti di diversi tipi di vaccini, non abbiamo mostrato”. Il direttore ha infine annunciato che dai prossimi giorni le shirt saranno acquistabili presso gli hub vaccinali Asl3.

Ha concluso il dottor Matteo Bassetti, direttore del Dipartimento regionale malattie infettive di Alisa. “Oggi vaccinarsi è un regalo all'Italia - ha affermato -, che può ripartire più forte e più libera. Non c'è risposta alla pandemia che non sia il vaccino. Spendo una parola per il mondo scientifico, ricordando che quello che è stato fatto in un anno e due mesi è straordinario. Quasi cinquanta programmi per dare un vaccino, cinque dei quali già arrivati in fondo. E i vaccini sono tutti uguali. Ieri ho purtroppo sentito alcuni colleghi dire che uno dei vaccini andrebbe dato solo sopra i 55 anni... stupidaggini. Cerchiamo di non dire stupidaggini, non dobbiamo confondere le persone. Dobbiamo metterci la faccia ed essere convinti di quello che facciamo”. Lodata la scelta di Astrazeneca da parte del premier Draghi e del presidente Toti, il dottor Bassetti ha segnalato che oggi Chiara Ferragni si è vaccinata dandone testimonianza sui suoi canali social, “mettendoci la faccia. Le abbiamo mandato la maglietta 'Adulta e vaccinata', spero e mi auguro vorrà indossarla anche lei, portando avanti con tutti i suoi follower questa campagna nata a Genova, nata in Liguria”. Per concludere: “I giovani in questo anno, sbagliando, sono stati tanto attaccati, per un modo sempre un po' ideologico di vivere la pandemia. Ma sono loro la parte più forte del nostro Paese, con i giovani si può andare lontano. Dicendo loro che non bisogna divertirsi e che non bisogna fare la movida non si va da nessuna parte, invece bisogna coinvolgere, come cerchiamo di fare noi e come si cerca di fare in tutta Italia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News