Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Aprile - ore 23.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Un anno senza stadio, una storia riscritta dalla pandemia

Il 4 marzo 2020 lo Spezia vinse al Picco contro il Pescara nell'ultima partita del calcio italiano con il pubblico sugli spalti. Dodici mesi che hanno visto lo stop dei campionati, la promozione e le imprese in Serie A.

spalti svuotati dal covid
Spezia-Pescara 2-0 (2020)

La Spezia - Nel giorno tradizionalmente legato al ricordo di Lucio Dalla e, da tre anni, alla tragedia di Davide Astori, da queste parti il 4 marzo è anche la data dell'ultima volta con il Picco a porte aperte, l'ultima partita del calcio italiano con il pubblico sugli spalti, prima che la pandemia stravolgesse le vite di ciascuno di noi, anche al di fuori del perimetro dell'amore per le maglie bianche.
Per questo a un anno esatto da quella vittoria per 2-0 sul Pescara (QUI) produce una strana sensazione ripensare al senso di incertezza di quelle ore – nelle quali si iniziava a parlare di smart working e sanificazioni - a una partita rimasta fuori per poco dalle restrizioni imposte dall'allora premier Conte e divenuta a suo modo storica, visto che il calcio in Italia ha ripreso il suo corso ma senza pubblico. E lo ha fatto con esiti imprevedibili e del tutto inattesi proprio da queste parti, con la prima storica promozione in Serie A, un cambio di proprietà altrettanto importate dopo dodici anni e con le incredibili gioie vissute davanti alla tv negli ultimi tempi, con le vittorie al Maradona e all'Olimpico oppure nella notte del Picco contro il Milan.

“L'ultimo abbraccio prima dell'isolamento” titolava CdS dodici mesi fa dopo il fischio finale proprio mentre i tifosi comunque numerosi, incuriositi dalle prime mascherine in circolazione e timidamente preoccupati per quanto stava accadendo in Italia e nel mondo, lasciavano lo stadio con l'auspicio di ritrovarsi un mesetto dopo per il derby con il Pisa e la speranza che tutto si sarebbe risolto nel giro di qualche settimana. Fiduciosi che passate le prime difficoltà si sarebbero ritrovati sugli spalti per continuare ad inseguire la promozione tifando, soffrendo ed esultando con gli amici di sempre.
Quello che è accaduto dal giorno successivo in poi è ormai cosa acquisita e le rinunce alle quali tutti siamo stati sottoposti sono andate ben al di là di una passione per quanto profonda ma pur sempre sportiva. Così come è precipitata nella paura e nello sconforto la percezione di una pandemia che ha riscritto, in peggio, vita e abitudini di ciascuno di noi. Eppure la ripresa del calcio due mesi e mezzo dopo, a giugno, ha restituito un diversivo, un'occasione per dimenticare per novanta minuti il fastidio di estenuanti settimane distopiche e tornare a sorridere ed emozionarsi. Una passione spenta forzatamente e riaccesa a suon di vittorie fino alla travolgente cavalcata play-off e all'incosciente ma inevitabile abbraccio della città alla squadra trascinata fisicamente fino alla festa del venti agosto che ha spalancato le porte a questi mesi nella massima serie. Tutto in un anno con gli spalti del Picco desolatamente vuoti.
Una ricorrenza che cade oggi mentre Italiano e i suoi ragazzi stanno preparando una partita fondamentale, forse la più importante di questa stagione, che potrebbe garantire ai tifosi dello Spezia di vivere finalmente il calcio dei grandi dal vivo la prossima stagione, in un'atmosfera auspicabilmente normale e più serena per tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News