Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 01 Agosto - ore 21.34

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Thiago Motta si lancia alla ricerca del tempo perduto

In arrivo in Italia il suo staff, tra cui il preparatore dei portieri che costruì Maignan e Areola. La rosa è ampiamente incompleta: ci sono solo due centrocampisti e tre attaccanti reduci dalla serie A.

tra tre giorni in ritiro
Centro sportivo Ferdeghini

La Spezia - E' il momento dello studio "matto e disperatissimo" per Thiago Motta. Barricato nel suo ufficio presso il centro sportivo Ferdeghini, il nuovo tecnico dello Spezia sta cercando di recuperare il ritardo accumulato a causa di un nomina arrivata a ridosso del ritiro estivo per la nota vicenda Italiano-Fiorentina. Tra tre giorni lo Spezia sale a Prato allo Stelvio per iniziare la vera e propria preparazione. E lo fa con una rosa largamente incompleta e tutta da valutare alla luce delle sue necessità tecniche e tattiche.
Si parte con tre terzini destri (Vignali, Ferrer e Sala), due soli centrocampisti reduci dalla serie A (Leo Sena e Maggiore) e tre attaccanti contati per una squadra che, molto probabilmente, giocherà con un tridente. Sono Nzola, che ha mercato e potrebbe partire, Gyasi e Verde. L'unico reparto assortito è quello dei difensori centrali, con Erlic, Ismajli, Capradossi e il nuovo arrivato Hristov, la cui permanenza sarà valutata in montagna.

Ore al computer per Motta, che sta studiando i suoi nuovi atleti e compilando il programma per il prossimo mese. In attesa che il calciomercato inizia realmente e il gruppo inizi ad assomigliare ad un'opera compiuta. Così come il suo staff, che sarà composto da almeno quattro professionisti di sua nomina più eventuali collaboratori di fiducia del club.
Confermata la presenza di Simon Colinet, 40 anni, che in passato ha lavorato con Carlo Ancelotti, Laurent Blanc e Unai Emery. Ha lasciato il Tolosa, nonostante il nuovo tecnico Antoine Kombouaré volesse confermarlo, per seguire Motta al Genoa nell'autunno di due anni fa. Il preparatore dei portieri sarà Alfred Dossou-Yovo, che ha allevato tra gli altri Maignan, il sostituto di Donnarumma al Milan, e Areola durante il suo periodo al PSG. Dopo aver lavorato nella capitale per sette anni, il nativo di Cotonou (Benin) è passato all'Olympique Lyon nel 2018 lavorando con la seconda squadra. Entrambi sono in arrivo in Italia in queste ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News