Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Giugno - ore 19.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Spezia apripista della "generazione di fenomeni"

Italiano, con Zanetti e Dionisi, sono ritenuti i tre tecnici emergenti del calcio italiano. La clausola rescissoria inserita nel rinnovo 2020 ha blindato il primo, per gli altri situazioni più fluide. Il veneziano era il piano B per Tella.

tre anni fa erano in serie C
Dionisi, Italiano, Zanetti

La Spezia - E alla fine si ritroveranno a giocare tra i grandi, tre anni dopo quella serie C che li aveva imposti come la "generazione di fenomeni" della panchina. Chi è salito sul treno giusto al primo colpo, chi ci è andato vicino e chi invece ha dovuto rialzarsi dopo una scelta non felice. Vincenzo Italiano, Alessio Dionisi e Paolo Zanetti: in ordine di anagrafe e di fortuna. Sulla giostra delle panchine in questo preambolo di stagione, alla fine almeno due su tre destinati a rimanere nei club che li hanno lanciati.
L'Italia odierna sta agli allenatori di calcio come il Brasile degli anni Settanta stava ai fantasisti più o meno. E loro tre sono riconosciuti come i nomi su cui puntare per il prossimo futuro. Nella stagione 18/19 già in luce in terza serie: Italiano promosso con il Trapani, Dionisi in semifinale play off con la minuscola Imolese, Zanetti eliminato solo dal gigante Monza da guida del Sud Tirol. E' comunque serie B per tutti. Il siciliano sceglie lo Spezia e anticipa di un anno i colleghi nella scalata fino al palcoscenico massimo del calcio nazionale.

Nelle stesse ore in cui Italiano metteva in stand by lo Spezia, Zanetti faceva con il Venezia e Dionisi con l'Empoli. Le caselle da riempire sono le panchine di Verona, Sampdoria, Udinese ma soprattutto Sassuolo. Il giro di orizzonti è ampio per tutti, si trattano i rinnovi e si valutano le alternative. Il tecnico dello Spezia è il primo a rompere gli indugi, i Platek fanno sul serio. Ne esce con uno stipendio quasi raddoppiato tra bonus e premi vari: si sfiora il milione di euro. La clausola da un milione aggiunta insieme al rinnovo 2020 si rivela un fattore fondamentale per tenere alla larga le pretendenti. Quella che fa più gola è il Sassuolo, che ha argomenti tecnici (grandi competenze, piccole pressioni) che avrebbero fatto vacillare chiunque. Ma di pagare quella cifra, in pratica un anno e mezzo di stipendio in più sull'unghia, non ci pensa proprio.

In laguna, Zanetti si sta per chiudere un nuovo accordo con stipendio triplicato a 500mila euro, secondo quanto riporta Sky. Il Venezia cerca di blindarlo fino al 2025, con la voglia di fare come lo Spezia. "Oggi più che in altri tempi conta la forza del gruppo, la filosofia di una società: lo Spezia è un esempio di ciò che intendo", spiegava Paolo Poggi, responsabile dell'area tecnica, a Il Gazzettino. Quello di Zanetti era peraltro il profilo ritenuto più adatto a prendere le redini degli aquilotti in caso di mancato accordo con Italiano. Non solo una questione tattica, quanto di capacità di coinvolgere il gruppo e tirare fuori il meglio da ogni calciatore. High-tempo style of football.
Rimane in ballo Dionisi, per età il mediano tra i tre con i suoi 41 anni (Italiano ne ha 43 e Zanetti solo 38). L'Empoli non ha una clausola rescissoria importante come quella introdotta dallo Spezia e così il presidente sampdoriano Ferrero, che ha ammesso di essere stato a cena con chi cura gli interessi del tecnico, cerca di fare leva per portarlo a Genova. Ciò che non gli era riuscito con Italiano insomma. Situazione che in Toscana sta creando qualche attrito. I tre si ritroveranno in ogni caso avversari nella prossima serie A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News