Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Aprile - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Italiano vuole tutti sull'attenti: "Salvezza più vicina? Nel 2001 sono retrocesso con 39 punti"

Il tecnico evita ancora di dover rispondere alle domande sul futuro e guarda solo al finale di campionato, ricordando due precedenti a lui negativi: "Ecco perché rimango concentratissimo".

ecco cosa accadde quando giocava
Vincenzo Italiano

La Spezia - "Siamo partiti come avevamo giocato nel secondo tempo di Firenze: ai ragazzi l'ho detto, stavamo andando piano e non facevamo girare la sfera velocemente. Se non cambi qualcosa non riesci ad invertire la rotta". Un altro mattoncino della stagione, un punticino che può diventare grande, specialmente se le altre dovessero incappare in capitomboli insperati. "Siamo riusciti a pareggiare e a ben guardare con un pizzico di determinazione potevamo fare 3-2. Ma visto come si è messa la partita, faccio i complimenti ai ragazzi per avercela fatta". Ai microfoni di Sky Sport, Vincenzo Italiano si gode un risultato comunque positivo per il cammino dei suoi e anche questo weekend è costretto a dover rispondere alle domande sul suo futuro. Un refrain che i tifosi spezzini hanno ormai imparato a sopportare dall'inizio dell'anno: "L'accostamento al Napoli? Sono chiacchiere, attestati di stima, apprezzamenti che fanno piacere ma in questo momento quel che mi interessa è terminare bene questo campionato, la concentrazione rimane su questo". Fortunatamente è solo un passaggio, poi si torna a parlare del pomeriggio del "Picco": "Cosa è successo nel secondo gol? Dovevamo stare tutti allineati alla barriera, chiaro che quando parte la palla Gyasi deve attaccare la palla nello spazio ma in generale non capisco perché ci siamo mossi in quel modo.

"E' un passo avanti verso la salvezza? Io in carriera sono retrocesso due volte a 39 punti: ricordo in particolare quelll'Hellas di Camoranesi, Gilardino e Mutu che fece un girone d'andata incredibile e poi finì male: ci davano tutti per salvi e in vacanza... ecco perché sono l'ultimo che può dire che la squadra è con la testa altrove. Ancora 14 partite, ancora tanti punti a disposizione: dobbiamo stare concentratissimi". E' uno Spezia che fatica con le piccole e soprende con le grandi, un qualcosa che questo gruppo si porta dietro da settembre: "Con le grandissime assumiamo un atteggiamento diverso perchè sappiamo che ci sono superiori e ci costringono ad intereptare la gara in un altro modo; quando invece siamo noi a doverla gestire, forse concediamo qualche situazione, qualche ripartenza nella quale non siamo bravi come dovremmo. Rimediare oggi pensavo fosse difficile, ma con determinazione lo abbiamo fatto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News