Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Aprile - ore 22.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

I tifosi ora si muovono: "Gli spezzini hanno diritto di vivere la A al Picco"

La Curva Ferrovia parla di una battaglia "per l'intera città" e ammonisce: "Nessuno dimentica le promesse fatte a suo tempo".

messaggio a palazzo civico (e al club)

La Spezia - La città prende coscienza che il tempo è breve. Anzi, è probabilmente già scaduto per pensare di poter ospitare un'eventuale secondo campionato di serie A alla Spezia dalla prima giornata. Sollecitano un intervento deciso e risolutivo, perché hanno morso il freno per un'intera stagione e non vogliono subire la beffa di dover rimanere fuori dal proprio impianto anche quando le limitazioni dovute alla pandemia dovessero cadere.
"Vogliamo, come gruppi organizzati della Curva Ferrovia e dei distinti, farci portavoce di questa battaglia. Con la speranza che l'intera città e tutti coloro che hanno a cuore le sorti dello Spezia Calcio e della nostra città si uniscano alla nostra lotta. Perché non è una battaglia solamente calcistica ma una battaglia per il futuro della nostra amata Perla sul Mar!", scrivono in una nota.

L'unica mossa ufficiale l'ha fatta il Comune della Spezia, pronto a fare un mutuo per mettere mano al settore ospiti. Un'opera che, in ogni caso, non eviterebbe l'esilio altrove agli aquilotti. "Il Picco è patrimonio della città, la serie A è patrimonio della città e deve essere la stessa città a schierarsi in difesa di questo inestimabile tesoro, per non disperderlo e far sì che venga utilizzato come trampolino di lancio per un migliore futuro economico, sociale e sportivo della Spezia".
"Nessuno ha vissuto in prima persona la promozione - ricordano i gruppi -, così come nessuno ha potuto vedere la A al Picco. La situazione sanitaria ci ha solo in parte imbavagliato, ma nessuno dimentica le promesse fatte a suo tempo e nessuno è più disposto a non vivere queste irripetibili emozioni per l’incapacità e l’immobilismo di chi ha solo promesso e non mantenuto. La pazienza è finita! Lo Spezia è la squadra della nostra città e deve giocare al Picco, lo Spezia deve esultare sotto la Ferrovia ed ogni singolo spezzino ha il diritto di vivere la A nello stadio della propria città".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News