Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Giugno - ore 21.49

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

E' uno Spezia democratico, ha preso punti praticamente da tutte

Gli aquilotti sono rimasti imbattuti contro Sampdoria, Torino, Cagliari e Benevento: 4 punti tra andata e ritorno.

mai giocato per il pareggio
Uno Spezia... democratico

La Spezia - Solo tre squadre sono riuscite a non pagare dazio alla matricola che non conosce la paura. Lo Spezia chiude il suo primo storico campionato di serie A con 39 punti. Raccolti in maniera molto democratica tra alta, media e bassa classifica. Ovvero contro squadre con monte ingaggi imparagonabili, ma comunque tutti più alti di quello con cui Mauro Meluso ha potuto costruire la rosa che Vincenzo Italiano ha trasformato in squadra.
Gli aquilotti sono rimasti imbattuti contro Sampdoria, Torino, Cagliari e Benevento: 4 punti tra andata e ritorno. Le ultime tre sono state dirette concorrenti alla salvezza fino alle ultimissime giornate, una verità che ribadisce come fare punti con le "pari grado" si risolva in un vantaggio determinante quando lotti per salvarti. Ma non sono mancati gli acuti.
Tra le avversarie con cui la posta totale è stata divisa equamente ci sono nomi importanti. Innanzitutto il Milan ed il Napoli, entrambe partite chiave per dare fiducia ad un gruppo giovane in un momento decisivo del campionato, a metà inverno. Ma anche il brillante Sassuolo ha pagato pegno, e così l'Udinese ed il Crotone. Il Parma è l'unica squadra con cui i bianchi hanno pareggiato sia all'andata che al ritorno. E questo porta ad un'altra riflessione: la filosofia di provare sempre a vincere è stata un'altra delle carte vincenti della stagione.
In mancanza di buona sorte, un punticino di grande importanza è arrivato dalla capolista Inter e uno dalla vice Atalanta; da un Verona già in fase calante e da Bologna e Fiorentina. Ultimo quello strappato dalla Roma ieri sera (e non viceversa). Due sconfitte solo con Juventus, Lazio e Genoa che hanno gravitato in zone diverse della classifica. Perché non è mai stata questione di timore reverenziale per lo Spezia, ma semmai di gioco e di serate più o meno ispirate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News