Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Luglio - ore 18.51

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

E' partito l'iter per aprire il cantiere dello stadio Picco

Al vaglio della Commissione di vigilanza il progetto di ampliamento della Curva Piscina. Necessario anche un passaggio con il comitato strutture del CONI. Il via libera necessario per l'iscrizione.

verso la fase operativa

La Spezia - Sono arrivati in prefettura nelle scorse ore i plichi prodotti dallo Spezia Calcio con il progetto di ampliamento della Curva Piscina. La Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo li valuterà nei prossimi giorni per quanto riguarda gli aspetti legati alla sicurezza. All'organo provinciale, coordinato dalla prefetta Maria Luisa Inversini, spetta il parere preliminare in merito all'intervento previsto questa estate per aumentare la capienza del settore ospiti dello stadio "Alberto Picco". In pratica il passaggio fondamentale per ottenere il via libera ad aprire il cantiere nelle prossime settimane.
Momento che si presenta già decisivo per indirizzare sulla giusta strada la stagione di serie A 21/22 dello Spezia Calcio. Il tempismo è tutto in questa fase che porta fino alla domanda di iscrizione al campionato. In quell'occasione il club dovrà indicare il campo "di casa" in cui svolgerà le prime partite durante i lavori ed esporre il progetto di ampliamento del Picco che, dopo il lavoro sulla Curva Piscina, toccherà la prossima estate la tribuna. Nella pratica indirizzata alla FIGC dovrà già esserci il via libera della Commissione di vigilanza.

Contemporaneamente, Via Melara ha inoltrato per via telematica la richiesta di un "parere in linea tecnico sportiva" al CONI, anche questo un passo necessario per avere il via libera dalla prefettura. L'avallo della Commissione impianti sportivi del Comitato olimpico è necessario per tutti i lavori sulle strutture con importo superiore al milione di euro. In questo organo siedono funzionari di vari ministeri, tra cui quello dell'Interno per gli aspetti legati alla sicurezza, quello dei Trasporti e quello della Salute oltre ad un rappresentante del Comitato Paralimpico.
In questo caso il parere del CONI riguarda in particolare la visibilità che si otterrà, da spettatori, venendo ospitati nel nuovo settore. Per ogni posto a sedere sono vagliate, su carta, determinate caratteristiche: posizionamento dell'utente, ostacoli alla vista, altezza dello sguardo. Il tutto per garantire un campo visivo adeguato, pena la mancata omologazione parziale che comporterebbe una limitazione della capienza. Sia la Commissione di vigilanza che il CONI possono richiedere in questa fase correzioni e prescrizioni. Ed è questa l'eventualità da evitare per non dilatare i tempi di avvio della fase operativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News