Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile - ore 18.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Barbuti un cuore a metà: "Legatissimo a Spezia e Parma, spero si salvino"

Il bomber, e doppio ex, alla vigilia: "Al Picco ho fatto gol da incosciente, amo questa piazza. Italiano è bravo, la squadra gioca bene e con la mente libera. Nzola? Molto bravo e può migliorare".

quaranta gol quarant'anni fa
Massimo Barbuti

La Spezia - Fra i giocatori che hanno indossato sia la maglia dello Spezia che quella del Parma, Massimo Barbuti è probabilmente quello che più di ogni altro ha saputo conquistarsi un posto speciale nel cuore delle due tifoserie un tempo amiche. In maglia bianca lo ha fatto grazie ai quaranta gol in due stagioni fra il 1979 e il 1981, diventando uno dei beniamini del pubblico del Picco che ancora oggi lo ricorda con grande affetto.
“A Spezia ho fatto dei gol da incosciente – ricorda oggi a CdS alla vigilia della sfida – pesavo oltre novanta chili ero agile come un giaguaro però non mi spostava nessuno. Giocavo come quando a 12 anni andavo al campetto con gli amici. Negli anni successivi ho fatto altri gol ma non come quelli fatti lì, me la rischiavo da qualsiasi zona del campo”.

Quarant'anni dopo cosa le è rimasto di quella esperienza?
“Non riesco a credere che sia già passato così tanto tempo. Ricordo sempre con enorme piacere quella piazza che amo come il pubblico spezzino perché lì ho vissuto bene non solo a livello calcistico ma anche personale con la mia famiglia. Quando nacque mio figlio il mister Mazzanti mi disse “vai a casa, domani torni e fai gol”. Il giorno dopo giocavamo con il Sansepolcro, ero cotto come un pero ma alla fine la buttai dentro”.

Ricordi che si legano a quelli lasciati a Parma, domani per lei sarà una partita speciale
“Tengo tantissimo a entrambi i club, anzi, a tutte e due le città perché a Parma mi sono fermato a vivere. Diciamo che è una partita che non vorrei mai commentare e che mi auguro di cuore che possano salvarsi entrambe. Il Parma avrà molte difficoltà a rimanere in Serie A e se non vince domani è praticamente retrocesso, lo Spezia è molto più sereno perché è una bella squadra che gioca bene soprattutto fuori casa. Un punto va benissimo allo Spezia, al Parma no”.

Che effetto le fa vedere gli aquilotti nella massima serie con le grandi?
“Stento ancora a crederci e non l'avrei mai pensato, faccio i complimenti a Volpi perché l'ha presa in Serie D e l'ha lasciata in A. Ora sono arrivati gli americani come a Parma e sicuramente ci sono degli interessi, l'importante è che si circondino di persone qualificate che pensino al bene della squadra. Poi lo Spezia con Italiano ha un buon allenatore che sta facendo grandi cose, a Parma invece nonostante D'Aversa sia bravo c'è stata qualche incomprensione”.

Italiano che avuto anche il merito di aver 'scoperto' e lanciato Nzola, da ex centravanti come giudica il campionato del giocatore?
“Mi piace molto, è un attaccante di peso che fa reparto, si smarca e va in profondità. L'allenatore è stato bravo a intravederne le capacità quando lo ha avuto a Trapani, è una scommessa vinta, a 25 anni sta maturando e può solo migliorare. Io sono approdato in A tardi, a 28 anni, ci fossi arrivato qualche tempo prima come quando ho fatto 40 gol a Spezia – sorride – magari avrei raggiunto la Nazionale”.

Lei è rimasto nel cuore dei tifosi anche per le esultanze e la passione che ha sempre saputo trasmettere in campo, che effetto le fa oggi vedere gli stadi vuoti?
“Per quanto mi riguarda il calcio senza pubblico non ha senso, dovrebbero fermare tutto ma capisco che ci sono di mezzo interessi più grandi e si deve andare avanti. Mi spiace soprattutto che si sia fermato tutto il calcio dilettantistico, o tutti o nessuno. Sicuramente giocare con gli stadi chiusi ha cambiato anche i valori: se vai in campo molle fatichi come il Parma, se invece ti approcci con la mente libera dicendo “gioco e mi diverto” fai come lo Spezia che sta ottenendo risultati importanti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News