Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 04 Agosto - ore 21.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Avanti per la salvezza, il prestigio ed i contributi

La matematica dice che lo Spezia può ancora retrocedere, ma anche che è in lizza per il decimo posto. Che significa gloria e milioni di euro di differenza in fatto di quote di diritti tv.

c'è anche questo in ballo
Esultanza

La Spezia - Ma c'è davvero il rischio di specchiarsi nella classifica e abbassare il livello d'attenzione? Ipotesi difficile con Vincenzo Italiano come allenatore. La sua stessa squadra, fatta di tanti debuttanti, ha tutto l'interesse a spremere ogni goccia di gloria da questa stagione, incanalata più che mai verso l'epilogo sperato. Un epilogo ancora da conquistare, nonostante la matematica rincuori una volta di più dopo una giornata che ha visto lo Spezia guadagnare in pratica su tutta la parte destra della classifica. Segnato un +3 su Crotone, Cagliari, Fiorentina, Genoa, Udinese e Bologna. In attesa, questa sera nel posticipo, del Benevento.

La salvezza è un passaggio di importanza capitale con una nuove proprietà appena insediata. I Platek ricercano le potenzialità imprenditoriali offerte dalla serie A. Il prestigio del calcio come terminale di una rete europea di club. Ma per il prestigio gioca anche lo Spezia-squadra, ad oggi la seconda migliore debuttante di sempre a questo punto del campionato.
Quei 32 punti sono una base su cui costruire ancora. Sono già più di quanti ne fece il Frosinone in tutto il campionato 2015/16. Senza neanche citare i 21 del Treviso 2006, surclassato. Il Crotone delle miracolosa rimonta chiuse a 34 punti e altrettanti ne fecero il Siena nel 2004 ed il Sassuolo dieci anni dopo. Il combattivo Carpi della stagione successiva ne fece 38 (e non bastarono). I Castori-boys sono l'obiettivo. E' invece imprendibile lo straordinario Chievo del 2002, che toccò quota 54 ed il quinto posto finale.

Ma la posizione di classifica ha comunque un peso nei destini dello Spezia. Salvare la categoria fa sempre la differenza dal punto di vista finanziario per una società, non ci sono paracadute che tengano. Ma anche tra finire diciassettesimi e finire dodicesimi c'è una discreta differenza: 2,2 milioni di euro incassati. Nel caso aquilotto significa all'incirca pagarsi lo stipendio netto ai due calciatori più costosi dell'intera rosa. C'è infatti una quota non marginale dei diritti tv che la Lega di serie A distribuisce in base alla classifica finale.
Neanche a dirlo, le prime dieci giocano un torneo a parte con cifre a sette zeri. Ma anche nella parte destra della classifica si può passare dai 6,3 milioni destinati alla decima fino ad arrivare ai soli 900mila euro (più paracadute ovviamente, ma senza il grosso dei diritti tv della stagione successiva) dell'ultima. Oggi tra il Torino - la prima delle salve - e la Sampdoria ci sono potenzialmente, recupero permettendo, solo 6 punti di differenza ma anche 3,5 milioni. Per questo fare il calcolo sull'eventuale pancia piena di un Bologna già virtualmente salvo, è fuorviante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News