Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 15.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Allo Spezia serve il miglior Nzola per il rush finale

La mancanza di un centravanti che sappia accorciare i reparti e dia soluzioni diverse potrebbe essere la chiave decisiva per le ultime quattordici sfide. Il Toro e i rinvii, il Cagliari di Semplici e le ultime speranze del Parma.

una questione tattica
M'Bala Nzola

La Spezia - Lo avevamo già visto a Firenze e prima ancora nella gara contro l'Udinese. Al di là del sacrificio ammirevole di Kevin Agudelo come 'falso nueve' di una squadra sbarazzina che mette in difficoltà le grandi non perché grandi ma perchè squadre che giocano al calcio, si è sentita la mancanza di un punto di riferimento dell'attacco: quello che fu Galabinov soltanto nel primo mese di campionato, quello che è stato Nzola sino a sei partite fa, quando la botta alla caviglia lo ha tolto dal campo. Quello che è stato a tratti anche Roberto Piccoli, fermato anche lui da un infortunio nel momento in cui sembrava aver trovato anche la personalità per guidare un reparto. E dire che lo Spezia, in queste condizioni, ha raccolto sette punti nelle ultime quattro gare interne di campionato: due le vittorie, uno il pari e soltanto il ko con l'Udinese, diagnosticano un'inversione di tendenza per gli aquilotti che fra le mura amiche avevano racimolato soltanto tre punti in tutte le otto partite precedenti.

Arriva un pareggio comunque prezioso che porta i bianchi a quota 25: il Parma è andato avanti 2-0 non diversamente da come fu all'andata a parti invertite, ha subìto il ritorno dello Spezia, incassando due gol evitabili, ma si è rimesso subito sotto per cercare di vincerla, subito dopo che lo Spezia che sul 2-2 sprecasse la palla del soprasso: quel tiro un po' telefonato di Maggiore è l'unico rammarico per la truppa di Italiano in un pomeriggio finito bene. Ma è anche vero che i ducali nel finale hanno fatto di più e meglio e c'è voluto un attentissimo Provedel ad alzare il siluro dello slovacco Kucka, già a segno nella partita del "Tardini". Un Parma al quale non riesce l'impresa di vincere, ridurre le distanze e prepararsi ad un finale di stagione da sangue agli occhi: difficile trovare energie in un momento del genere anche perché il Parma torna a casa ancora una volta rimontato di due gol proprio come fu nell'ultimo turno con l'Udinese. I ducali rimangono a dieci punti di distanza dallo Spezia e ora possono guardare con realismo alle avventure del Torino per capire se c'è ancora qualcosa da fare.

E qui c'è da considerare l'attualità: mentre il Cagliari (oggi a 15 punti) a Crotone può provare a rilanciarsi con Semplici, i granata (che di punti ne hanno 20) potrebbero essere in qualche modo condizionati dal Covid. Rinviata la gara col Sassuolo che si sarebbe dovuta giocare ieri, potrebbe accadere lo stesso nei match contro Lazio e Crotone: a quel punto Nicola dovrà sottoporre i suoi ad un tour de force di partite ravvicinate, tutte concentrate negli ultimi due mesi del campionato. Da questo punto di vista, si attendono provvedimenti nelle prossime ore, in base ai casi di coronavirus in essere. Si dovrà stabilire quando i granata potranno tornare ad allenarsi e se le partite previste dal calendario nella prossima settimana saranno rinviate dalla Lega di Serie A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News