Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Aprile - ore 21.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Acerbi no, Marchizza sì

gli episodi
Il tocco di mano di Acerbi

La Spezia - "Non è un’infrazione se il pallone tocca le mani / braccia del calciatore [...] quando un calciatore cade a terra e mani / braccia sono tra corpo e terreno per sostenere il corpo, ma non estese lateralmente o verticalmente lontane dal corpo". E' questo il passaggio del Regolamento del calcio sulla base del quale giudicare il tocco in mano in area di Acerbi. Episodio chiave di Lazio-Spezia, decisa da un rigore per un fallo di mano a favore dei padroni di casa nel finale.
Ma anche gli ospiti hanno chiesto un penalty pochi minuti prima e sempre per un tocco con l'arto superiore. Il gesto avviene in scivolata, con il difensore con la maglia numero 33 che devia un passaggio rasoterra di Gyasi che stava raggiungendo il centro dell'area dove c'era Nzola appostato. Il braccio è, evidentemente, esteso a sorreggere il corpo. In quel caso l'arbitro Giua non ha ritenuto di dover intervenire ed evidentemente il Var non lo ha richiamato. Pochi minuti dopo, un tocco di braccio altrettanto involontario (Marchizza è girato e viene anche strattonato poco prima) deciderà il match.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News