Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 15.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Via libera a variante Puc area Enel e intesa sul commercio

Approvate senza voti contrari le delibere all'ordine del giorno. Forniti alcuni chiarimenti sulla condizione degli operai di Fincantieri in pausa pranzo.

Consiglio comunale

La Spezia - Due approvazioni di altrettante delibere in consiglio comunale partono alla volta della Regione dopo la seduta in streaming del consiglio comunale di ieri sera. La prima è stata quella relativa alle integrazioni tecniche della variante al Puc che vieta la nuova installazione di centrali a combustibili fossili nell'area Enel, la seconda sull'intesa con la Regione per istituire zone ritenute di pregio in cui non sia possibile aprire attività di scarso valore commerciale e di decoro. Uno stop ai minimarket e un sostegno al commercio locale. Ok con discussioni e puntualizzazioni su entrambi i temi, secondo un canovaccio prevedibile sin dall'inizio delle trasmissioni.

Apertura lavori con l'interrogazione dell'opposizione sul conferimento della cittadinanza onoraria a Patrik Zaki liquidata spiegando che lo studente detenuto nelle carceri egiziane non rientra tra le figure previste dall'apposito regolamento.
L'assessore alla Mobilità Kristopher Casati, sollecitato dall'interpellanza del capogruppo di Leali a Spezia, Guido Melley, ha spiegato che riguardo al tema dei parcheggi del mercatino del venerdì sono già stati recuperati i parcheggi in Via di Monale, con tanto di righe blu, e che è iniziato uno studio per andare a recuperare quelli dei commercianti che si sono spostati in Via Chiodo.
Ultima interrogazione posta da Massimo Lombardi, di Spezia bene comune, per avere chiarimenti sulla situazione degli operai di Fincantieri nel momento della pausa pranzo, dopo le polemiche sul fatto che fossero sul suolo pubblico. L'assessore allo Sviluppo economico Genziana Giacomelli, dopo aver incontrato azienda e sindacati ha esposto: “La mensa dello stabilimento di Muggiano può ospitare 576 persone ed è pertanto prevista una turnistica. Chi, per scelta, non volesse accedere alla mensa può utilizzare un refettorio realizzato apposta, condizionato, tavoli e sedute, sanificato regolarmente e con il previsto distanziamento, come la mensa. Poiché percezione è stata che non tutti sapessero di questo servizio aggiuntivo pochi giorni fa è stato svolto un volantinaggio informativo proprio per ovviare a questo problema. Il tema resta all'attenzione delle parti sociali.

La discussione della delibera sulle integrazione in materia di Vas e sul rapporto ambientale necessario per completare la variante ha visto andare in scena la solita sceneggiatura, con il consiglio fondamentalmente tutto della stessa opinione, ma con i dovuti distinguo. Il sindaco Pierluigi Peracchini ha rivendicato di utilizzare l'unico strumento in suo possesso per contrastare i piani di Enel, col sostegno di Peserico che ha attribuito alla delibera il rilancio del tema delle scelte per il futuro dell'area di Vallegrande, da discutere tra padrone di casa e chi gestisce il territorio. Secondo Melley e il capogruppo Pd Marco Raffaelli sarebbe anche il caso di andare oltre rilanciando tavoli di confronto e discutendo possibili prospettive concrete, stimolando Regione e ministero a contribuire per non lasciare la palla nelle mani della sola Enel.
Secca replica del primo cittadino: “Non c'era nessun tavolo da riattivare con Enel perché nel frattempo l'azienda ha cambiato idea”, con i due consiglieri di minoranza che sono rimasti di opinione ben contraria.
Massimo Caratozzolo ha sottolineato le dichiarazioni di Farbizio Iaccarino, responsabile Sostenibilità e Affari istituzionali di Enel, in un'audizione sul recovery plan alle commissioni del Senato, dove ha indicato la previsione di chiudere la centrale della Spezia entro il 2023.

Soddisfazione della maggioranza per l'approvazione del testo dell'intesa elaborata dall'assessore al Commercio Lorenzo Brogi, sul quale il dibattito è stato meno influenzato dalle logiche di schieramento e dal valzer dei rinfacci. La delibera era già stata ampiamente discussa a più riprese in commissione (leggi qui) e le divergenze politiche si sono contenute al dibattito sulla convivenza tra la componente straniera del tessuto commerciale, in particolare quella proveniente dal Bangladesh, e il decoro delle vetrine e delle strade, da accompagnare con una maggiore spinta all'integrazione in senso lato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News