Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Giugno - ore 23.31

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tavolo su Enel il 4 giugno: "Presidente Toti, neghi l'intesa sul gas"

La lettera della sindaca di Arcola, Monica Paganini: "Ora possiamo cambiare repentinamente direzione".

"No a scorciatoie furbette"

La Spezia - Appuntamento in Regione Liguria il 4 giugno per la seduta del tavolo di confronto sul futuro della centrale e dell'area Enel. Ad annunciarlo, Monica Paganini, sindaca di Arcola, nel cui territorio ricade parte del perimetro di Vallegrande. “Dopo le numerose richieste in tutte le sedi e a più voci – osserva la prima cittadina di centrosinistra -, finalmente abbiamo ricevuto la convocazione. Un primo importante risultato che dovrà essere l’occasione per sostenere le alternative al progetto e chiedere alla Regione di negare l’intesa Stato/Regioni per 'intralciare pesantemente' il procedimento autorizzativo all’insediamento del nuovo impianto di centrale a turbogas. Le istituzioni devono promuovere le alternative su un tema così importante per le loro comunità. Uscire dal fossile nella nostra provincia si può, basta volerlo”. E in vista del tavolo del 4 giugno, la sindaca Paganini ha scritto una missiva al presidente Toti e per conoscenza al collega del capoluogo Peracchini, alla Commissione regionale Territorio e Ambiente e ai capigruppo del consiglio regionale. Nella lettera, la prima cittadina, tra le varie cose, rivolge “un ulteriore appello affinché siano messe in campo, ai diversi livelli istituzionali, le risorse giuridiche, tecnologiche, ideative e finanziarie disponibili per superare definitivamente quel progetto (il turbogas, ndr), nella consapevolezza di tutti circa i ritardi, i rallentamenti burocratici e l'assenza di visione coordinata in ambito energetico fossil-free a danno del clima, della salute di tanta parte della popolazione e dello sviluppo di tante imprese e dell'occupazione”.

La prima cittadina esprime la convinzione che “non possiamo affrontare gli ambiziosi progetti di rallentamento del cambiamento climatico in atto chiedendo alla provincia della Spezia e al suo prestigioso Golfo dei poeti un contributo alla transizione come quello della nuova centrale a gas in sostituzione di quella a carbone. Le centrali a carbone devono chiudere, quelle a gas devono essere velocemente superate. L'ecologia lo dice. L'economia lo dice. L'uomo nuovo, post pandemia, lo deve pretendere”. La sindaca arcolana menziona altresì uno studio di Carbon Tracker in cui si rileva, ad esempio, che le centrali a gas “potrebbero non solo mettere a rischio gli obbiettivi climatici del paese, ma anche far aumentare le bollette degli utenti”, riporta la sindaca, che poi afferma: “Abbiamo bisogno di concretezza e coraggio per accelerare sulle fonti di energia rinnovabile sicure e dispacciabili. Le risposte ci sono, basta volerlo. Non scegliamo ancora una volta la 'scorciatoia più furbetta'. La nostra provincia può diventare incubatore strategico di insediamenti di rilevanza nazionale ed europea per produzione, ricerca e sviluppo di tutto ciò che è funzionale alla diffusione su larga scala delle energie rinnovabili”.

Infine, l'appello diretto a presidente Toti. “La centrale a gas di Vallegrande era stata pianificata per far fronte al futuro senza carbone, molto prima della pandemia. La centrale a gas, a regime, impiegherà non più di 20 lavoratori. La centrale a gas si costruisce in 3 anni. In 3 anni, post pandemia e con le prospettive del Recovery Fund e del Just Transition Fun da estendere alla regione Liguria, possiamo fare cose straordinarie e creare centinaia di nuovi posti di lavoro. Per questi motivi, in relazione al procedimento in corso, Le rivolgo un lucido appello affinché la Regione Liguria neghi l'Intesa Stato Regione. Possiamo cambiare repentinamente direzione ora. Non dobbiamo confermare e accelerare scelte del passato e ritardare ancora le azioni fossil-free attuali e future”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News