Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Aprile - ore 09.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sette Comuni alle urne, ma non si sa ancora quando

Ameglia, Beverino, Borghetto Vara, Brugnato, Riomaggiore, Santo Stefano Magra e Zignago sono a fine consiliatura. Tre opzioni sulla scrivania del ministro dell'Interno: i punti di forza e i punti deboli delle tre ipotesi al vaglio.

Verso il voto
Elezioni comunali 2018

La Spezia - Quattro di centrodestra e tre di centrosinistra. Sono sette, in totale, le amministrazioni che andranno al rinnovo del consiglio comunale e all'elezione diretta del sindaco nel corso dei prossimi mesi. Quando, di preciso, non è ancora dato sapere. L'emergenza sanitaria, infatti, complica le cose anche in questo caso, così come era stato per le Regionali dell'anno scorso, con il ministero dell'Interno impegnato a individuare la data che metta insieme l'approvazione del maggior numero di partiti e che consenta lo svolgimento delle operazioni di voto in sicurezza.
Ameglia, Beverino, Borghetto Vara, Brugnato, Riomaggiore, Santo Stefano Magra e Zignago. Sono questi i Comuni che saranno chiamati alle urne, avendo eletto le rispettive maggioranze e i primi cittadini nell'ormai lontano inizio giugno del 2016.
Come dicevamo, al rinnovo andranno quattro Comuni oggi in mano al centrodestra (Ameglia, Beverino, Borghetto e Brugnato) e tre al centrosinistra (Riomaggiore, Santo Stefano e Zignago).

Per quanto riguarda la data delle elezioni pare tramontata, o quasi, l’ipotesi di un voto a fine maggio e pertanto le opzioni che rimangono in campo sembrano essere tre.
La prima porterebbe a una convocazione per la prima decade di giugno con il ballottaggio da tenersi entro fine mese. Una proposta che però al momento sembra non incontrare la convergenza di molti partiti.
Se si volesse optare per una soluzione assolutamente indolore per il mondo della scuola, ci sarebbe la data di luglio, sempre nella prima decade che, anche per la questione climatica, sembra essere quella più indicata.
La terza ipotesi, invece, come già accaduto lo scorso anno, porterebbe a elezioni nella seconda decade di settembre e con il ballottaggio da tenersi a fine mese, ma si teme ci sarebbe un effetto negativo sul calendario scolastico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News