Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Giugno - ore 21.16

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sedute in presenza e connessioni ballerine, scoppia la polemica in commissione

Forcieri accusa Cenerini di avergli chiuso il microfono. Il presidente risponde: "Non è la sede opportuna". Dall'opposizione: "Così non si fa".

stop di 10 minuti
Palazzo civico

La Spezia - Un brusco stop, seppur di 10 minuti, ha segnato la III commissione consiliare. La seduta era distanza e tra una connessione che cadeva e qualche microfono che rimaneva aperto a un certo punto è arrivato lo scontro. Se il tema principale della commissione erano le sorti della Pubblica assistenza della Spezia, in balia di una legge regionale che verrà discussa lunedì in commissione Sanità a Genova, si è fatto largo anche il disagio espresso dal consigliere Forcieri che è intervenuto sull'ordine dei lavori lamentando i disagi per la seduta a distanza e ricordando che già numerose volte, anche l'opposizione, ha rimarcato l'importanza e la necessità di tornare in presenza.
Subito gli ha risposto il presidente commissario Cenerini ribadendo che non era la sede opportuna e che Forcieri si sarebbe dovuto rivolgere alla capigruppo. Ne è seguito un altro piccato scambio culminato di botta risposta finito con uno j'accuse di Forcieri nei confronti di Cenerini: "Lei mi ha tolto il microfono, questo è un metodo di democrazia fascistoide". Cenerini si è profondamente risentito per quelle parole e ha risposto: "Lei è andato fuori tema e usare il termine fascitoide è più grave che dare del fascista".
La rabbia è montata da entrambe le parti e il presidente commissario Cenerini ha optato per una sospensione temporanea di 10 minuti. Una brusca interruzione si diceva che ha lasciato qualche strascico quando la commissione è ripartita, puntuale come un orologio svizzero. "Mi scuso con i sindacati, per questa ripresa mi vedo costretto a regolamentare gli interventi perché alcuni non riescono a farlo autonomamente e qualcuno vuole fare quello che gli pare".
Il tema non è più stato centrale ma qualche consigliere di minoranza ha rimarcato che "chiudere in quel modo il microfono a un consigliere non è il modo giusto di fare".
Pecunia ha aggiunto "E' stato sbagliato eliminare Forcieri, presidente non usi questo metodo. Non mi piace. E' un'azione antidemocratica".
Il commissario Caratozzolo ha agginto: "Un brutto episodio, è giusto coordinare ma non era il caso di esercitarlo in questo modo". Cenerini ha ribattuto: "Io non ho insultato nessuno, un conto le polemiche sui giornali e in aula, ma offendere è un'altra cosa". E' intervenuto nuovamente Guido Melley: "Capisco il contrasto che c'è stato e spero non accada più".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News