Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 04 Agosto - ore 22.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ponzanelli annuncia le dimissioni: "Come per il Pacinotti bisogna seguire ogni repentino cambio di idee di Peracchini"

Il numero due di Via Vittorio Veneto: "L'ultimo esempio? Soltanto oggi mi si informa che, in alcuni capitoli sull’edilizia scolastica, sono stati tagliati i fondi a zero euro. Da ora in poi valuteremo la nostra posizione di volta in volta".

"sua presenza sui quotidiani è straripante"
Francesco Ponzanelli

La Spezia - "Noto con rammarico l’evolversi negativa della situazione, la mancanza di un vero confronto è il nocciolo della questione. La discussione sull’assessore è fuorviante, e lo dimostra il fatto che per altre nomine non si è fatta tutta questa pantomima, che dura da circa un anno". Non passa giorno che la dialettica politica in seno al centrodestra spezzino non si arricchisca di nuovi capitoli e prese di posizione come quella di Francesco Ponzanelli, 'costiano' della prima ora e vice-presidente della Provincia della Spezia che in una nota stampa contesta il sindaco Peracchini e annuncia le sue dimissioni da numero due di Via Vittorio Veneto: "È evidente che sia stato deciso l’isolamento e poi l’ annientamento di “Liguria Popolare” da sempre, a partire dalla mancata riconferma della nostra rappresentanza in giunta, dopo l’abbandono dell’unico nostro assessore. Doveva essere risolta subito: si dice che il volere sia potere, e qui non c’è mai stata volontà".

Le critiche mosse sono le stesse che nei giorni scorsi avevano fatto uscire allo scoperto sia Nanni Grazzini (che ha paventato una sua candidatura a sindaco alle amministrative 2022) sia Andrea Costa e il coordinatore comunale del suo partito Alberto Turini: "Il sindaco Peracchini manca di spirito di coalizione, di gioco di squadra. Il “centralismo democratico” che mette in atto rende impossibile dare il giusto valore alle azioni di un assessore o consigliere delegato. Non si può pensare di avere visibilità sempre e continuamente, a discapito di coloro che lavorano e che hanno contribuito alla sua vittoria. Sono rimasto stupito quando il sindaco, nonché Presidente della Provincia, ha pubblicamente dichiarato di non leggere i giornali: non si direbbe, perché la sua presenza sui quotidiani è straripante. La situazione in Provincia non cambia, on si viene mai informati delle pratiche essenziali, non vi è mai stata una riunione di maggioranza, bisogna inseguire ogni repentino cambio di idee (vedi Liceo Pacinotti) senza che si possano discutere. Ad esempio, solo oggi mi si informa che, in alcuni capitoli sull’edilizia scolastica, sono stati tagliati i fondi a zero euro.
Sarà difficile per il gruppo Spezia Popolare votare a favore di un bilancio così compromesso. Credo che sia doveroso rimettere il mandato di vicepresidente della Provincia, e valutare assieme al mio gruppo la nostra posizione su ogni pratica, che di volta in volta sarà presentata e discussa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News