Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio - ore 22.36

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ponzanelli: "La Spezia popolare unica forza di governo che vuole evitare biodigestore"

L'ex vice presidente della Provincia critica gli alleati: "Lontani da un confronto serio sull'impianto all'interno della maggioranza. Il non voto di ieri in consiglio provinciale è stato un precedente unico".

"L'arroganza di Iren"

La Spezia - "Nel consiglio provinciale (si veda QUI, ndr) sono stati discussi ma non votati un ordine del giorno e una mozione già calendarizzati sul biodigestore, un precedente unico. Siamo purtroppo lontani da un confronto serio ed opportuno sul biodigestore all’ interno della maggioranza provinciale". Lo afferma in una nota Francesco Ponzanelli, capogruppo provinciale di La Spezia popolare. "Prendiamo atto che Spezia Popolare è l’unica forza di governo della Provincia della Spezia che è rimasta all’ascolto dei cittadini per evitare, dopo le ultime decisioni, di dare via libera alla costruzione del biodigestore in località Saliceti. Dobbiamo con coscienza e tenacia ribadire che la costruzione in quel di Saliceti nel comune di Vezzano Ligure, in una realtà densamente abitata, con le falde acquifere a due passi e una via di comunicazione adiacente importante, non possa essere sito di un enorme impianto come quello preventivato. Una passività scellerata, priva di una seria analisi complessiva di quello che si tramuterà sulla Val di Magra con tutte le conseguenze per i comuni limitrofi. Crediamo che chi ha ruoli di governo debba dialogare e confrontarsi su ogni scelta, soprattutto quando si parla di ambiente e salute. Abbiamo sempre auspicato all’ interno di ogni sede di maggioranza a un vero confronto con i cittadini, ma ancora una volta l’appello è caduto nel vuoto. Oggi si è discusso ma non votato una mozione e un Ordine del giorno calendarizzati e con relativa discussione sul biodigestore che chiedevano il blocco della sua costruzione e chiaramente una linea politica da parte della Provincia".

"Non possiamo più condividere l’arroganza di queste multiutility di interessi come Iren - continua Ponzanelli -, che agiscono senza tenere conto dei cittadini, con una visione 'denarocentrica', senza mai coinvolgere realmente gli utenti, cioè coloro che pagano. Fuorviante è questo sistema intrapreso per avviare il tutto. Dobbiamo dare più condivisioni e possibilità di decisione a chi paga, quindi ai cittadini. Falsa è l’accusa di chi dice che non siamo favorevoli alla chiusura del ciclo dei rifiuti. Chi ha interloquito con noi sa bene che abbiamo sempre sostenuto e ribadito quattro sì: diciamo sì alla chiusura del ciclo dei rifiuti; sì al trattamento dei rifiuti della nostra provincia e non a quelli importati; sì ad un luogo adatto e sicuro; sì ad una tecnologia adeguata".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News